Il partito dell'inconcludenza ​che non impara dai suoi errori

Venerdì 5 Marzo 2021 di Vittorio Del Tufo

Ancora una volta non ci resta che scomodare Ionesco, i grandi geni del teatro dell’assurdo, o più semplicemente il mitico Tafazzi, per descrivere l’ennesimo capolavoro inanellato dai vertici del centrosinistra napoletano: convocare una mega-riunione allargata ai Cinquestelle per trovare una sintesi sul nome del candidato sindaco, dichiarare ai cronisti (a denti stretti, in realtà, e con un certo imbarazzo) che «c’è grande entusiasmo» perché...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA