Rifiuti, clochard e randagi: ecco il suk del lungomare di Napoli

Sabato 31 Luglio 2021 di Elena Romanazzi
Rifiuti, clochard e randagi: ecco il suk del lungomare di Napoli

Bottiglie, sacchi di plastica, rifiuti di ogni genere. È l’immagine del degrado della Rotonda Diaz, al secolo “Mappatella beach”. Una delle poche spiagge libere della città e quella sicuramente più accessibile dove non è necessaria alcuna prenotazione. Di buon ora quello che si trova sono i residui della notte. L’Asìa porta via i sacchi lasciati negli appositi contenitori, ma non il resto che si trova su buona parte del lungomare e a ridosso della spiaggia. Già perché buttare le bottiglie di vetro negli appositi cestini fa troppa fatica al popolo della notte che a volte scaglia anche le birre vuote contro le rocce, il tiro al bersaglio pericolosissimo per chi poi la mattina si va a stendere al sole e rischia di ferirsi. È il Lungomare, vista Vesuvio, trasformato in una discarica a cielo aperto. Nei giardini poco più in là non va meglio: sono stati trasformati in campeggi improvvisati per i clochard.


Da due giorni, dopo la chiusura alla balneazione, è tornata accessibile anche se in molti hanno comunque affollato l’area visto le elevate temperature. Ma sulle pulizie è sempre un fai da te. Appena pochi giorni fa, proprio il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli con Mattia, Giuseppe, Vincenzo e Luciano, quattro ragazzini tra gli 11 ed i 13 anni, decisero di lanciare un messaggio di civiltà e di rispetto sono 4 bambini, tra gli 11 ed i 13 anni, che hanno deciso nei giorni scorsi di lanciare un messaggio di civiltà e di rispetto per l’ambiente mettendosi a ripulire il la spiaggia. «Noi veniamo sempre a Mappatella a fare i bagni e a giocare ma ci accorgiamo che la sabbia è piena di cicche e immondizia e anche pezzi di vetro, così vogliamo fare qualcosa di utile per questo posto» - hanno spiegato i 4 “scugnizzi”. «Questi bambini, nonostante la loro giovanissima età aggiunge Borrelli - possono essere d’esempio per quelle tante persone, incivili, che vengono sulla spiaggia e la inzozzano con le loro cartacce, le loro lattine e le loro bottiglie e soprattutto con le cicche di sigarette». Ignobile il gioco di alcuni teppisti che si divertono a lanciare le bottiglie di vetro contro la scogliera rompendole in 1000 pezzi e facendo disseminare le schegge di vetro sulla spiaggia motivo per cui in alcuni casi le persone si sono tagliate sotto le piante dei piedi. Per non parlare di chi porta i cani e li lascia defecare sulla spiaggia di buon ora senza raccogliere gli escrementi. Un tempo c’erano anche i bagni. Gli spogliatoi e le docce. Sono rimaste solo queste ultime da dove esce solo un filo di acqua. Il motivo? Puntualmente da quando “Mappatella” è tornata balneabile nel lontano 2008, venivano vandalizzate. La prima volta hanno resistito 2 mesi. La seconda un mese. La terza appena venti giorni e così sono stati rimossi i bagni chimici che malgrado venissero chiusi la notte puntualmente venivano trovati dagli operatori della Napoli Servizi in condizioni pietose, con gli escrementi sulle pareti interne.

Video


Il presidente della Prima Municipalità Francesco de Giovanni conosce bene la situazione. «Il punto - spiega - è la mancanza di manutenzione ed è anche colpa dei cittadini che ormai seguono la regola “perché se è tutto sporco io devo lasciare pulito?”, una situazione che si trascina da tempo». Le spiagge libere in altre città - aggiunge De Giovanni - sono uno specchio, ben tenute, al pari di quelle private, c’è grande attenzione. «Invece - incalza - qui il comune si pavoneggia degli interventi fatti che sono inesistenti. Per la Gaiola la situazione è nettamente migliore, viene gestita gratuitamente dalla Gaiola Onlus, è a numero chiuso, non si possono portare bottiglie, ci sono i controlli. Ma chi prenderebbe in gestione “Mappatella beach” senza un ritorno? Ho fatto una valanga di segnalazioni, ma restano tali, senza nessun riscontro. A mio avviso c’è solo una soluzione: decentrare. Se la municipalità deve seguire e controllare la spiaggia allora io ci metto la faccia e se non funziona sarà solo colpa mia ma allo stato attuale non posso prendermi la responsabilità di qualcosa che non è di mia competenza».
 

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 10:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA