Per salvare l'Italia nuovi germogli, non vecchi innesti

di Alessandro Barbano

Quando tutto sembra volgere al peggio, quando la democrazia ansima sotto la morsa del populismo, nell’emergenza istituzionale che annebbia le coscienze e suggerisce a non pochi di aprire i fortini dei partiti assediati e di consegnare ai vincitori quel che resta per formare, quale che sia, un governo, allora, solo allora, con la tragica lucidità che il punto più acuto della crisi consegna a pochi, si inizia a intravedere una via d’uscita. L’unica possibile per rimettere in discussione la democrazia della delega...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 8 Marzo 2018, 22:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP