Il nuovo Pd con i vecchi vizi si rifugia nelle primarie

Mercoledì 14 Aprile 2021 di Mauro Calise

Ma era proprio il caso, nel bel mezzo di una pandemia e con i sindaci delle principali città in prorogatio per divieto di voto, mettersi a fare le primarie? Ormai è chiaro che la coalizione – si fa per dire – del centrosinistra si tiene ormai con gli spilli, e non si capisce più chi davvero vuole stare con chi. Italia Viva vede i Cinquestelle come il diavolo l’acquasanta, a Leu si rizzano i capelli quando sente parlare di Renzi. E se i...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA