Daniela, casalinga vip napoletana: «Noi donne di Posillipo possiamo vivere solo qui»

Venerdì 24 Gennaio 2020 di Francesca Scognamiglio

Bionda e fisico statuario: Daniela Sabella è una delle sei protagoniste di “The real housewives di Napoli”, il docu- reality stasera in onda su Real Time canale 31 del digitale terrestre alle ore 22.20. Daniela Sabella, Noemi Letizia, Stella Giannicola, Maria Consiglio Visco Marigliano del Monte, Simonetta De Luca e Raffaella Siervo, mostreranno alle telecamere la propria quotidianità tra casa, lavoro e mondanità. Elegante e con savoir-faire aristocratico, Daniela Sabella è una giornalista di Posillipo impegnata nel sociale, divorziata e con una figlia, ha vissuto in America e organizza eventi presso la villa che porta il suo nome. Salutista e sportiva è innamorata del proprio quartiere.

LEGGI ANCHE Noemi Letizia e le altre, le casalinghe vip di Napoli

Che cosa distingue le donne di Posillipo dalle altre napoletane?
«Le donne di Posillipo sono le più fortunate, dispongono di un panorama mozzafiato, di un luogo che è di gran pregio, lo stesso Presidente della Repubblica viene qui a soggiornare. Per me è la zona più bella non di Napoli ma d’Italia».
Ma ci saranno altre zone di Napoli che ama?
«Amo Napoli, tutta. Non ho mai detto che non amo altri quartieri, adoro ad esempio il Centro Storico, ma non ci vivrei. Del resto vivere a Posillipo credo sia per tutti un’aspirazione. Il problema è che le periferie sono spesso, purtroppo, degradate e sarebbe opportuno intervenire per renderle più sicure e vivibili».
È stata sposata con un americano: cosa pensa invece dell’uomo napoletano? 
«I napoletani mi piacciono, sono carnali e protettivi ma non mi fidanzerei. I miei rapporti importanti sono stati con uomini americani e ciò che, a mio parere, distingue un napoletano da uno straniero è la mentalità. L’uomo americano è meno malizioso mentre, secondo la mia esperienza, il napoletano è troppo geloso e anche meno affidabile».

LEGGI ANCHE The real housewives di Napoli, casalinghe veraci chic all'ombra del Vesuvio

Ci racconta una sua giornata tipo? 
«Sveglia alle 8.30, colazione, doccia e palestra, che per me è molto importante, mi dedico alla mia struttura e attualmente sono impegnata in un progetto, Narcos Italia, augurandomi che diventi una serie tv. Curo due associazioni: La forza delle Donne, con Elisa Russo, e Smiling, da me diretta, e per la quale ho prodotto un cortometraggio “Baby Gang”, che ha avuto un premio a Venezia e che stiamo presentando nelle scuole».
Come è stata la sua prima esperienza davanti alle telecamere?
«Sono contenta di partecipare a questo programma perché è vero. Conoscevo il format nella versione originale e sono felice che sia stato girato a Napoli».
Che rapporto ha con le altre protagoniste del format? 
«Naturalmente non è facile andare d’accordo con tutte, ho legato molto con Stella e anche con Noemi mentre Maria Consiglia mi fa molto divertire».
 

Ultimo aggiornamento: 12:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA