La controcamorra più forte dei boss

di Isaia Sales

Non fa piacere ai clan di camorra (o ai singoli criminali che ne fanno parte o a chi vive di traffici illegali) che in alcuni quartieri di Napoli si tolgano i bambini e i ragazzi dalle strade, li si tuteli per un tratto della giornata dal degrado, li si tenga lontani dallo spettacolo quotidiano della violenza. E li si renda, così, parte consapevole del mondo con lo studio, con il gioco, con lo sport, con la musica e con il teatro. Queste varie attività svolte da diverse associazioni di volontariato, come la Fondazione Figli di...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 14 Settembre 2019, 00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP