«Universiadi, adesso tutti uniti:
Napoli scenda in campo»

ARTICOLI CORRELATI
di Luigi Roano

Poco più di 100 giorni al taglio del nastro del 3 luglio, insomma le Universiadi sono alle porte. Una macchina organizzativa corposa che dovrà contare - per funzionare - anche sui volontari che al momento sono piuttosto timidi. Ne servono 5600, sicuri a oggi sono solo i 2mila della protezione civile, serve una mossa. Per questo dalla Regione fanno sapere che c’è anche mezzo milione a disposizione per questa opportunità e in questa direzione - ovvero «fare squadra» - fioccano gli appelli.

L’UNIVERSITÀ
Il padrone di casa in un certo senso è il rettore della Federico II Gaetano Manfredi che lancia il suo di appello: «Le Universiadi - racconta - rappresentano una eccezionale occasione per tutti i giovani e in particolare per i giovani della Campania. Fulcro della grande manifestazione, naturalmente insieme agli atleti, sono i volontari». Per questo sottolinea che «saranno loro ad accogliere tutti i partecipanti dello straordinario evento sportivo che porta con sé un grande messaggio di pace e di futuro. Far parte dei volontari acquista un significato importantissimo. Saranno gli ambasciatori della Campania in questo grande evento globale». 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 16 Marzo 2019, 08:27 - Ultimo aggiornamento: 16-03-2019 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-03-16 10:37:03
Parlarne male purché se ne parli! Piuttosto mi chiedo: e SE invece di diffondere critiche, allarmi e sfiducia in queste Universiadi giornali e Tv lanciassero un largo richiamo ai giovani della Campania, una specie di Avviso ai Naviganti, attraverso grossi titoli dei giornali, Network vari eTg regionali? Questo vuol dire essere tutti uniti e agire da vera Comunità. Cui prodest "sgarrupare", sempre e continuamente "sgarrupare"?

QUICKMAP