Urbanistica: una nuova città è all’orizzonte, ma tempi certi

di Beniamino Tuccillo
Sabato 24 Febbraio 2024, 23:00 - Ultimo agg. 25 Febbraio, 07:00
2 Minuti di Lettura

La Commissione Urbanistica del Comune di Napoli approva con voto unanime il “Documento strategico”" per i “Nuovi Indirizzi di Politica Urbanistica”. Si traccia quindi una linea importante tra un prima (una città paralizzata da un immobilismo pasticcione ed inconcludente) un dopo di dinamica e propulsiva azione riformatrice, già contrassegnati dallo sblocco dei fondi per un nuovo assetto ed il rilancio produttivo e il recupero della balneabilità a Napoli est.

Premettendo giustamente il principio del Consumo di suolo zero nel nuovo strumento urbanistico vi sarà quella maggiore flessibilità agognata dal mondo imprenditoriale e dalle principali forze sociali per rendere meno complesse, lunghe e farraginose le procedure per i cambi di destinazione d’uso( da cui correttamente si esclude il Centro storico) e, soprattutto, i programmi per la riqualificazione e l’innovazione di ampi segmenti del perimetro urbano.

Vi sono aeree industriali dismesse che non sarebbe più ragionevole lasciare al degrado ed all’incuria, troviamo fondamentale immaginare di realizzare “spazi misti” tra residenzialità, servizi innovazione, industria leggera, il tutto in un quadro di nuova qualità urbana, che parta sempre dal rispetto dei criteri di compatibilità ambientale.

Una politica ed un' amministrazione pubblica previdente devono mostrarsi sempre più capaci di coniugare compatibilità ambientale ed ecologica con innovazione, visione e disposizione a trasformare l’esistente, adeguandolo ad una contemporaneità che viaggia a velocità mai conosciute finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA