Vaccini under 65, consegnate ai medici della provincia di Latina le prime 1.100 dosi

Mercoledì 10 Marzo 2021 di Rita Cammarone
Enzo De Amicis

Consegnate ieri 1.100 dosi di vaccini Astrazeneca. A riceverle sono stati cento medici di famiglia scelti tra quelli che hanno aderito al piano di vaccinazioni per le somministrazioni ai pazienti 65enni. Previste consegne anche nella giornata di oggi e nei giorni a seguire.


I NUMERI
Superate le difficoltà iniziali, entra così a regime la macchina vaccinale anti-Covid affidata ai medici di medicina generale. «Abbiamo consegnato 100 flaconi ad altrettanti professionisti, su un totale di 253 medici di famiglia che hanno aderito all'avviso della Regione Lazio spiega il dottor Loreto Bevilacqua, responsabile della campagna di vaccinazione della Asl di Latina - Con ogni flacone i medici potranno vaccinare undici persone sulla base delle recenti indicazioni dell'Aifa. Nei prossimi giorni tutti i medici di famiglia aderenti saranno dotati di un primo flacone. Al momento l'autorizzazione resta quella ad utilizzare un flacone a settimana. Quindi possiamo calcolare che ogni settimana potranno essere effettuate 2.783 somministrazioni, 11.132 in un mese. Questo significa aumentare di un 10% la media delle somministrazioni effettuate finora. L'auspicio è che anche gli altri medici che finora non hanno risposto all'avviso (a Latina e in provincia ci sono 420 medici di medicina generale, ndr) possano farlo al più presto, contribuendo così ulteriormente alla lotta contro il Coronavirus.


I MEDICI
Abbiamo pochi vaccini in generale, e a Latina ne abbiamo anche di meno - commenta invece il dottor Giovanni Cirilli, segretario regionale e provinciale della Fimmg (Federazione italiana medici di Medicina generale) - Noi medici non possiamo vaccinare gli ultra 80enni con il Pfizer o i pazienti estremamente vulnerabili. Ma l'importante è iniziare. Giovedì (domani, ndr) farò le mie prime vaccinazioni. E domani sarà la prima volta anche per il dottor Enzo De Amicis del distretto Lt2 e per il dottor Eugenio Saputo del distretto Lt4 e di tanti altri che ieri hanno ricevuto il flacone Astrazeneca.

SULLE ISOLE
I sindaci di Ponza e Ventotene hanno chiesto alla Asl di estendere la vaccinazione in loco a tutta la popolazione, dopo le somministrazioni effettuate agli anziani. Si può fare? La programmazione delle vaccinazioni risponde il dottor Bevilacqua - è molto complessa e non dipende solo dalla Asl ma anche e soprattutto dalla Regione Lazio e dalla disponibilità delle dosi. Dal primo aprile avremo anche il vaccino monodose Johnson&Johnson che meglio si presta ad una vaccinazione di massa. Va detto però che anche i medici di famiglia sulle isole possono contribuire. Ad esempio a Ponza ci sono tre medici di medicina generale che posso effettuare 33 somministrazioni a settimana.


PAZIENTI AUTISTICI
Ieri la Regione Lazio ha annunciato l'avvio delle vaccinazioni presso il Policlinico di Tor Vergata, tra i primi in Italia, rivolte agli autistici gravi e i loro caregiver. Non ci è stato ancora comunicato nulla a riguardo commenta il dottor Bevilacqua ma ritengo che anche i pontini con queste problematiche potranno essere vaccinati a Tor Vergata, dove immagino sia stato organizzato un ambiente adeguato ai pazienti con disturbi dello spettro autistico.


I NODI
Ancora sospese, almeno fino a ieri sera, le prenotazioni sul portale regionale per le vaccinazioni dei 64enni e 65enni, ma anche le iscrizioni delle prenotazioni raccolte attraverso gli ordini professionali. Abbiamo appena richiesto la riattivazione ha affermato ieri Vincenzo Bonetti, presidente dell'Ordine dei tecnici sanitari della provincia di Latina E' auspicabile che a breve possa essere effettuato l'inserimento dei nominativi dei liberi professionisti neo iscritti che vogliono vaccinarsi e anche dei pochi che nella prima fase non hanno voluto aderire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA