Amaya Isert: la donna che assiste gli asini maltrattati

Giovedì 21 Ottobre 2021
foto di José Antonio Suvirés (dal sito web de El Paìs)

«Stavo per nascere in carcere; mia madre, prigioniera politica, era incinta di tre mesi quando uscì con la legge di amnistia», racconta Amaya Isert, nata a Granada nel 1976; dopo un'infanzia che ricorda quasi come idilliaca in una comunità hippie nel quartiere Albayzín di Granadadedita, dedica la sua vita alla cura di 22 asini giunti al suo rifugio, Donkey Dreamland, su una piccola scogliera alla periferia della cittadina di Mijas (Málaga), esteso su un terreno di due ettari in cui la Isert ha allestito una stalla e diversi recinti che ospitano questi animali, tutti vittime di maltrattamenti, abusi e situazioni terribili da parte dei loro ex padroni. La Isert lotta per la sopravvivenza di questi animali che in Spagna sono specie a rischio di estinzione.

Come dice Pascual Rovira, presidente della prima associazione fondata in Spagna per la protezione dell'asino, Adebo, alla fine della guerra civile in Spagna c'erano più di un milione di asini e oggi non ce ne sono più di 60.000. «Negli anni '80, un milione di questi animali sono stati sacrificati, poiché hanno perso la loro utilità per il lavoro sul campo», aggiunge. Inoltre, i budget dei programmi di conservazione sono crollati e molti centri di riserva e di allevamento del bestiame sono scomparsi negli ultimi anni. Delle 16 razze autoctone europee che potrebbero scomparire, sei sono spagnole: andalusa, catalana, maiorchina, majorera (dalle Isole Canarie) ... La loro protezione è un progetto totalmente romantico, quindi ha un futuro molto incerto». Prima di dedicarsi alla cura di questi simpatici quadrupedi, Amaya Isert ha solcato mari e oceani per 20 anni come cuoca su yacht di lusso, attività che si alternava a quella di capocuoco in una villa a Chiang Rai, nel nord della Thailandia, o nei ristoranti degli artisti del Cirque du Soleil durante i loro tour mondiali. «Forse ciò che mi ha spinto a dedicarmi agli asini sono stati i miei ricordi di bambina, quando siamo andati all'Alpujarra e lì mi sono davvero divertita a giocare con tutti loro», dice.

Dalla rubrica Planeta Futuro de El Paìs

Come racconta El Paìs, Donkey Dreamland lavora con una ventina di volontari, quasi tutti della colonia di espatriati che vive a Mijas ed è finanziata da donazioni e visite al rifugio. «Il 98% di entrambi i concetti ci viene da visitatori e donatori britannici, svedesi, norvegesi, finlandesi. È scioccante quanto poca sensibilità ci sia ancora tra gli spagnoli nei confronti di un animale che è stato così importante nelle nostre vite», lamenta Isert. Le visite al centro consistono in passeggiate con i “burritos”, aiutandoli a spazzolarli o dar loro da mangiare e, a breve, inizierà un programma di terapia per bambini con disabilità come autismo e simili, che può ottenere buoni risultati come quelli che sono stati praticati per anni con i cavalli. E l'asino è un animale molto affettuoso, una volta perso il sospetto e la paura che in molti casi è il prodotto di anni di maltrattamenti. «L'asino ha un'enorme empatia con l'essere umano e, soprattutto, con i bambini; i bambini che vengono a trovarci impazziscono; Credo che l'asino ti senta il cuore», assicura questa donna piccola, ma piena di energia. In Spagna ci sono diversi rifugi di questo tipo ma pochissimi allevamenti. Ma il pericolo di estinzione dell'asino non esiste esclusivamente in Spagna o tra le razze autoctone europee. «La macellazione degli asini è globale e oggi ancor più stimolata dal mercato cinese che acquista a tonnellate la pelle di questo animale per le sue ricette di medicina tradizionale, per questo motivo è fondamentale bandire questo commercio», rimarca il presidente di Adebo, Rovira.

© RIPRODUZIONE RISERVATA