Botti Capodanno, strage di animali: 400 fra cani e gatti morti, migliaia fuggiti. Bilancio peggiore rispetto al 2020

Sabato 1 Gennaio 2022
Botti Capodanno, strage di animali: 400 fra cani e gatti morti, migliaia fuggiti. Bilancio peggiore rispetto al 2020

Notte di San Silvestro terribile per gli animali domestici, spaventati dal fragore dei botti: secondo i primi dati diffusi dall'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente nella notte di Capodanno sono almeno 400 tra cani e gatti morti e centinaia quelli scappati di cui non si conosce ancora la sorte. Molti di essi non torneranno più a casa, come insegna l'esperienza degli anni precedenti. Si tratta di un dato peggiore rispetto a quello dello scorso anno anche se, fanno sapere gli animalisti, è provvisorio. Le regioni con il maggior numero di animali deceduti sarebbero la Calabria e la Sicilia, seguiti da Lombardia e Campania. 

Capodanno, al Petruzzelli trenino e balli: scoppia la polemica sullo show andato in onda su Canale5

Bilancio peggiore dell'anno scorso

 

Nel notte fra il 2020 e il 2021, nonostante le rigide normative che hanno limitato le attività a causa della pandemia, morirono oltre 360 tra cani e gatti, mentre furono migliaia quelli fuggiti dalla paura. Senza contare l'incalcolabile bilancio delle vittime fra gli animali selvatici.

 

 

Le torture

Agli animali morti di spavento per il rumore dei botti si aggiungono quelli uccisi direttamente dagli uomini che con crudeltà utilizzano i petardi per causare ferite letali.

E' il caso della cagnolina Musetta torturata e uccisa con un petardo il 28 dicembre a Crotone. Sulla vicenda interviene il presidente nazionale dell'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente Lorenzo Croce che, dopo aver inviato un'esposto alla procura della repubblica di Crotone, scrive in una nota: "La morte atroce di Musetta non deve restare impunita, ringrazio le forze dell'ordine che in questi giorni stanno indagando per trovare il responsabile di questo insano gesto. Purtroppo - conclude il presidente Aidaa - essendo alla vigilia dell'ultimo dell'anno abbiamo una concreta paura che fatti come questo possano nelle prossime giornate ripetersi in tutta la penisola proprio per l'uso indiscriminato di botti proibiti nella notte di San Silvestro, fatto questo che è costato lo scorso anno la vita a 360 tra cani e gatti e a migliaia di volatili uccisi dal rumore dei botti".

 

 

Video

 

La battaglia della Lav

In vista del Capodanno «sono sempre di più i Comuni che emanano ordinanze anti-botti, a testimonianza di una crescente sensibilità e consapevolezza circa i gravissimi danni che possono causare a persone, animali e ambiente, ma tali provvedimenti sono spesso tardivi e inefficaci dal punto di vista giuridico, oltre a non essere seguiti dai necessari controlli per verificarne l'applicazione». Così la Lav in una nota in cui chiede «l'approvazione di regolamenti comunali validi tutto l'anno e rinnova a governo e Parlamento la richiesta di una legge nazionale di divieto». «Per il secondo anno consecutivo - osserva l'associazione - celebreremo il Capodanno facendo i conti con le restrizioni dettate dall'emergenza Covid-19 e, nonostante si godrà di maggior libertà rispetto al 2020, saranno comunque vietati gli eventi e le feste di piazza per evitare pericolosi assembramenti. Questa decisione determinerà un probabile calo dell'utilizzo di fuochi d'artificio e petardi ma, come abbiamo potuto constatare lo scorso anno, non significa che questi non verranno esplosi da cortili, giardini, balconi e terrazzi di case private». «Il primo giorno del nuovo anno è caratterizzato da un vero e proprio bollettino di guerra che, oltre a riportare l'elenco di coloro che sono rimasti feriti dopo aver maneggiato o essere stati colpiti da petardi, elenca moltissimi casi di cani e gatti fuggiti per il terrore e smarriti, feriti o morti perché urtati dalle auto. Non solo: sono numerosi anche gli animali selvatici che, vagando disorientati, vengono investiti, muoiono di infarto per il terrore o si schiantano contro alberi, muri o cavi elettrici», ricorda la Lav. 

 

Storni in salvo

Per scongiurare quanto accaduto lo scorso Capodanno, quando a Roma migliaia di storni morirono a causa dei botti, fin dalle ore 20 del 31 dicembre l'unità di emergenza Lav e il team Investigazioni, assieme ai volontari della sede di Roma, hanno pattugliato le zone della Stazione Termini e limitrofe, che lo scorso anno furono teatro dell'assurda strage di animali che, svegliati improvvisamente da botti e fuochi di artificio, andarono a morire in preda al terrore schiantandosi contro palazzi, cavi elettrici, piloni.

«Come testimoniato dalle immagini riprese dal team Investigazioni, l'ordinanza sindacale che aveva vietato l'utilizzo dei botti è stata sostanzialmente ignorata dai cittadini che ne hanno esplosi in ogni strada cittadina. Fortunatamente però, non si è replicato il massacro accaduto lo scorso anno e quindi non c'è stata la necessità di intervenire -sottolinea la Lav - Pur non essendo accaduta la tragedia che temevamo - e di questo ne siamo estremamente felici - abbiamo dovuto constatare che l'utilizzo di botti e fuochi d'artificio è ancora troppo diffuso, è quindi quanto mai necessario giungere all'approvazione di uno specifico regolamento comunale che vieti definitivamente l'uso dei botti e che preveda una diffusa campagna d'informazione nelle scuole e fra i cittadini lungo tutto il corso dell'anno, come già abbiamo chiesto alla nuova Giunta Capitolina subito dopo il suo insediamento».

 

 

Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 12:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA