Roma, in strada spunta un suricato: il bizzarro animale al guinzaglio tra i vicoli di Trastevere

Martedì 18 Agosto 2020 di Remo Sabatini
Un suricato a Trastevere? (immagini concesse dalla biologa Valentina Braccia)

A Roma, si sa, può capitare di incontrare di tutto. Un suricato, però, ancora non si era mai visto. E allora eccolo, piccolo e legato al guinzaglio come fosse un cagnolino, mentre vigila, all'impiedi, come la natura gli ha insegnato. Con lui, un paio di cagnolini e un signore dal costume stravagante che ricorda lontanamente il Paese d'origine di quel piccolo suricato che, ora, è si è arrampicato sulle sue spalle. «Eravamo a Trastevere per una passeggiata - ricorda al Messaggero la biologa Valentina Braccia che ha scattato le immagini che pubblichiamo - quando ci siamo trovati di fronte questo signore con i cani e il piccolo suricato al guinzaglio. Una scena che mi ha colto di sorpresa e non mi ha affatto divertita».

Cani uccisi e buttati via a Cerveteri: rabbia per l’atroce fine dei cuccioli di segugio

Il suricato infatti è un animale sociale che proviene dall'Africa Meridionale. Abituato, per natura, a vivere in gruppi numerosi, può soffrire la mancanza dei suoi simili. Quindi, cosa ci fa un suricato al guinzaglio a Trastevere? «I suricati, spiega la biologa, nel campo degli animali da compagnia sembrano essere divenuti di gran moda. Tanto che non è affatto difficile reperirli anche on line. Purtroppo, sottolinea, ci si dimentica che sono animali delicati che sono abituati a vivere in colonie numerose e che farli abituare ad una vita con l'uomo comporta, tra le altre cose, anche la separazione dal gruppo di appartenenza». Dell'uomo che detiene il suricato non si sa molto. Probabilmente è innamorato del suo strano cucciolo. «Mentre quel signore si intratteneva al tavolo con alcuni turisti, conclude la Braccia, il suricato è sceso dalle sue spalle e si è messo a rovistare in mezzo ai sampietrini». Cercava cicche di sigaretta. I suoi compagni di gioco, almeno per quella sera.

Ultimo aggiornamento: 20:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA