Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Novanta balene massacrate alle Faroe. Sea Shepherd: «Trucidate sotto gli occhi dei bambini»

Giovedì 30 Giugno 2022 di Remo Sabatini
Le balene massacrate di fronte ai bambini (immag diffuse da Sea Shepherd)

Le hanno ammassate lungo la spiaggia. Ormai senza vita, trucidate dai cacciatori, sono divenute una sorta di macabro parco giochi per i bambini del villaggio dell'isola Sandoy, alle Faroe. "I bambini hanno cominciato a giocare con quelle povere carcasse. Ci saltavano sopra, le tagliuzzavano con i coltelli dei loro papà". A raccontare la cronaca dell'ennesima giornata di follia, i volontari di Sea Shepherd, il movimento ambientalista internazionale che, da anni, documenta il massacro dei cetacei nelle acque dell'arcipelago a protettorato danese. Una cronaca che, nonostante le proteste internazionali, si ripete in nome di una tradizione che sembra non voler sentire ragioni. "Molte delle balene pilota uccise, ha sottolineato Sea Shepherd, erano esemplari giovanissimi". Dato, quest'ultimo, che rende ancora più agghiacciante questa strage. "È un giorno molto triste", hanno sottolineato i volontari del movimento presenti su quella spiaggia. "Uccidere in nome di una tradizione fuori dal tempo, non può avere giustificazione alcuna".

Sardegna, squalo stremato tirato fuori dall'acqua dai bagnanti per i selfie. È polemica

Ultimo aggiornamento: 11:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA