Aviaria tra i pavoni del parco, saranno uccisi più di 200 volatili: «Mattanza per scongiurare rischio raffreddore»

Rischio aviaria, in Sardegna uccisi più di 200 volatili. Animalisti infuriati: «Mattanza per scongiurare rischio raffreddore»
Rischio aviaria, in Sardegna uccisi più di 200 volatili. Animalisti infuriati: «Mattanza per scongiurare rischio raffreddore»
Domenica 6 Novembre 2022, 13:25
2 Minuti di Lettura

Nel parco di Monte Urpinu a Cagliari verranno abbattuti più di 200 volatili. La decisione è stata presa dalla Asl, dopo aver riscontrato la presenza del virus dell'influenza aviaria. Ma non è stata presa bene da ambientalisti e cittadini, abituati negli anni a vedere circolare liberamente pavoni, anatre, oche a altre volatili all'interno del grande polmone verde della città capoluogo. 

Il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu ha ricevuto decine di lettere e mail di protesta per l'abbattimento dei volatili, anche se la decisione è di competenza di Asl e Regione. «L'uccisione non può essere la soluzione universale a questi problemi. Il diritto alla vita è anche degli animali di Monte Urpinu», fa sapere la Lega antivivisezione (Lav) di Cagliari. «Esistono altre soluzioni, non cruente e perfettamente applicabili ed efficaci come nel caso analogo del Parco Chico Mendes a Campi Bisenzio dove gli animali sono stati isolati e nessuno è stato abbattuto». 

Video

Organizzato per domenica alle 16.30 un presidio all'ingresso Belvedere del parco di Monte Urpinu. Un modo per cercare di scongiurare l'uccisione. Sulla questione prende posizione anche il Gruppo di intervento giuridico che parla dell'abbattimento come di una «mattanza per scongiurare il rischio di un raffreddore». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA