Cucciolo nato con le zampe all'insù, Siggi torna a camminare dopo l'intervento

Domenica 12 Settembre 2021
Cucciolo nato con le zampe capovolte torna a camminare dopo l'intervento

Era nato con un difetto congenito, le sue zampe anteriori erano capovolte all'insù, ma ora Siggi, un cucciolo di rat terrier giocherellone e allegro, può finalmente a camminare. A correggere la malformazione del piccolo cane restituendole una vita normale è stata una straordinaria operazione del College of Veterinary Medicine dell'Oklahoma State University.

Siggi, l'intervento chirurgico di successo

Lo scorso maggio, un gruppo di soccorso animali di Dallas si è imbattuto in “Siggi”, un dolcissimo cucciolo di rat terrier con le zampe anteriori capovolte. A 13 settimane di età, Siggi è stato portato dai suoi soccorritori dal dottor Clary, un chirurgo per animali di piccola taglia che aveva eseguito nel 2019 un intervento chirurgico correttivo di successo su Milo, un altro cucciolo nato con la stesssa condizione di Siggi.

Avezzano, il cane perso sul monte Livata attraversa l’Appennino

«Come con Milo, il problema di Siggi sembrava fosse nelle zampe ma in realtà era nei suoi gomiti», ha detto il dottor Clary. «Per ragioni non completamente comprese, i gomiti di questi pazienti escono dall'articolazione presto nella vita e il risultato è una grave rotazione degli arti inferiori anteriori e l'incapacità di camminare. Al massimo, potrebbero provare a gattonare il che sembra più scomodo e poco adatto alla vita di un cane».

 

Al Veterinary Teaching Hospital, Siggi, che all'epoca pesava solo quattro chili, ha ricevuto un esame radiologico accurato che ha fornito a Clary e al suo team importanti informazioni sulla forma e l'allineamento delle ossa degli arti. «A differenza di Milo, Siggi aveva una significativa deformità delle ossa nella parte inferiore del gomito che complicava il problema articolare», ha detto Clary. «La TC ci ha aiutato a pianificare una procedura più complessa che avrebbe richiesto una rottura intenzionale in alto nell'osso dell'ulna per de-ruotare l'arto».

 

Le telecamere in casa svelano il mistero del robot aspirapolvere

 

La terapia per tornare a camminare

Il 12 maggio, Clary ha eseguito l'intervento chirurgico per portare le zampe di Siggi nel loro giusto orientamento. I gomiti sono stati protetti con stecche e un dispositivo di fissaggio ortopedico mentre le ossa dell'ulna di Siggi hanno impiegato il tempo necessario per guarire. Dopo poco più di due settimane, il 29 giugno, Siggi è tornato al VTH per un controllo programmato.

«Con quel controllo, abbiamo confermato la guarigione dell'osso con l'esame a raggi X e poi rimosso definitivamente la stecca di Siggi», ha detto il dottore. «A quel punto, il compito è diventato quello di insegnarle a camminare e si è dimostrata uno studente abbastanza veloce». «Davvero, non potrei essere più soddisfatto dei progressi di Siggi».

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA