Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cane scomparso da giugno ritrovato vivo in una grotta da uno speleologo

Domenica 14 Agosto 2022 di Remo Sabatini
Rick Haley e Gerry Keene insieme al cane trovato nella grotta (immagini diffuse da Rick Haley sulla propria pagina Fb)

Lei si chiama Abby. Dolcissima, è una cagnolina molto, molto fortunata. Sì perché, non fosse stato per un piccolo gruppo di speleologi, per puro caso finiti in quella grotta, per lei sarebbe stata la fine. Ma cominciamo dall'inizio. Siamo nei boschi appena fuori da Perryville, nota cittadina del Missouri, a sud di St Louis. Lì, Gerry Keene, si è infilato in una cavità rocciosa. Appassionato di speleologia, è in perlustrazione da almeno venti minuti. È sceso fino a quasi centocinquanta metri di profondità e il passaggio, è molto stretto. Poi, giunto in una sala nella roccia, all'improvviso, uno dei ragazzi del gruppo, si  trova di fronte qualcosa che lo lascia senza parole. A poca distanza da lui, infatti, c'è un cane. Stremato, il povero animale è spaventato. Come possa essere finito laggiù, è un mistero, quello che è certo è che, adesso, bisogna portarlo fuori il più presto possibile. «Il cane, ha spiegato Keene, era allo stremo delle forze. Riusciva a malapena a sollevare la testa». 

Il padrone felice e incredulo

«Quando l'abbiamo raggiunto, ricorda Rick Haley che ha diffuso le immagini che proponiamo, abbiamo cercato di capire se fosse ferito. Evidentemente, ha sottolineato, era lì da molto, troppo tempo». Bisognava fare in fretta. Così, visto che I passaggi per tornare in superficie erano troppo stretti, Haley e Keene decidono di infilare la cagnetta in un borsone. A quel punto, assicurata, il salvataggio ha inizio. Il percorso che la porterà in salvo è tutt'altro che semplice ma, alla fine, tutti, soccorritori e cane, riescono a guadagnare la salvezza. E adesso? Mentre il cane viene rifocillato, a qualcuno viene in mente che, forse, quell'animale è di qualcuno che lo ha perso. Così, casa per casa, si cerca un  eventuale proprietario che, poco dopo, viene trovato. Il padrone, scioccato e felicissimo del ritrovamento, spiegherà che la sua Abby era sparita da tanto tempo. Addirittura dal nove giugno scorso. Tanto che, ormai, aveva pensato di averla perduta per sempre. E allora, ecco baci e abbracci e lacrime di gioia. La sua Abby, è tornata.

Ultimo aggiornamento: 15 Agosto, 21:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA