Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaiolo delle scimmie, cane contagiato dai suoi proprietari: è il primo caso

Domenica 14 Agosto 2022 di Mario Landi
Vaiolo delle scimmie, cane contagiato dai suoi proprietari a Parigi: è il primo caso

Primo caso di trasmissione di vaiolo delle scimmie da uomo ad animale. Un cane avrebbe infatti contratto l'infezione dai suoi proprietari, una coppia gay che abita a Parigi. Lo riporta la rivista Lancet: è successo a innizio giugno quando i due uomini, rispettivamente di 44 e 27 anni, che fanno parte di una coppia aperta, hanno sviluppato i sintomi dopo aver avuto rapporti sessuali con altri uomini. 

Vaiolo delle scimmie, bambina di 4 anni contagiata in Germania: non presenta sintomi

La scoperta dei virologi

I due, che per le cure si sono recati all'ospedale Pitié-Salpêtrière, hanno però notato che anche il loro cane, un levriero italiano, aveva delle ulcere e alcuni sfoghi sulla pancia. Il cane è poi risultato positivo al tampone per il monkeypox, nella stessa variante a cui erano positivi i suoi proprietari. Il cane dormiva con i padroni, e potrebbe essersi infettato attraverso il contatto con le loro lesioni. 

 

«Probabilmente il cane avrà leccato l'umano malato e poi se stesso», ha spiegato la professoressa Lynora Saxinger, che insegna virologia all'Università di Alberta. A quanto pare, infatti, erano presenti tracce nella saliva del cane. 

I sintomi del vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie è una malattia «molto rara» che si presenta generalmente con «febbre, mialgia, linfoadenopatia (ghiandole gonfie) e un'eruzione cutanea sulle mani e sul viso, simile alla varicella». La salute dei pazienti sospetti evolve «favorevolmente», anche se è necessario mantenerli «sotto osservazione» per la possibilità che qualcuno possa aver bisogno di un ricovero, affermano le autorità sanitarie. In genere «la sua trasmissione avviene per via respiratoria», ma è possibile il contagio attraverso il «contatto con le mucose durante rapporti sessuali».

 

Ultimo aggiornamento: 23:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA