Ucciso in casa a 77 anni dal suo canguro "domestico": la polizia spara all'animale

Ucciso in casa a 77 anni dal suo canguro "domestico": la polizia spara all'animale
Ucciso in casa a 77 anni dal suo canguro "domestico": la polizia spara all'animale
Martedì 13 Settembre 2022, 10:47 - Ultimo agg. 21:02
3 Minuti di Lettura

Ucciso a 77 anni dal canguro che allevava in casa. L'uomo è stato soccorso da un parente che lo ha trovato nell'abitazione, privo di vita e con gravi ferite alla testa. L'episodio è avvenuto a Redmond (Australia). Quando i paramedici e la polizia sono arrivati sul posto, il canguro ancora visibilmete imbizzarrito, ha tentato di attaccarli, impedendo quindi i soccorsi per il 77enne. La polizia è stata costretta a sparare al marsupiale.

Wuhan, il mercato degli animali vivi chiuso dopo lo scoppio della pandemia Covid è stato riaperto? Gli ultimi studi sull'origine del virus

Ucciso in casa dal suo canguro: tragedia in Australia

L'uomo, nonostante i soccorsi, era già morto a causa dei colpi e delle ferite riportate in seguito all'aggressione dell'animale. Un portavoce della polizia ha riferito ai media di ritenere che la vittima fosse stata attaccata dal canguro. L'Australia ospita circa 50 milioni di canguri, che in media pesano 90 kg e possono raggiungere fino ai 2mt di altezza. Ma gli attacchi mortali restano rari.

Secondo quanto riferiscono i media australiani questo è il primo segnalato nel Paese dal 1936. Anche se nel 2022 si registrano due aggressioni che avrebbero potuto causare delle vittime. Una nel Queensland, dove a luglio un canguro ha aggredito una donna di 67 anni rompendole una gamba. Un'altra nel New South Wales a marzo, qui ad essere attaccata è stata una bambina di tre anni che aveva riportato diverse ferite in testa. Alla base di questi attacchi, secondo gli esperti, ci sarebbe lo sviluppo urbano che in tutta l'Australia sta invadendo sempre di più gli habitat dei canguri selvatici.

Covid, gatto lo trasmette all'uomo in Thailandia: è il primo caso. «Infettata una veterinaria»

© RIPRODUZIONE RISERVATA