Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oltre 117 mila cani restituiti dopo la pandemia

Giovedì 9 Giugno 2022
Oltre 117 mila cani restituiti dopo la pandemia

Il miglior amico dell'uomo, per sempre, ma non sempre se si guarda al contrario. Le statistiche degli ultimi due anni avevano registrato un boom di adozioni di cani ma, secondo l’indagine commissionata da Facile.it a EMG Different, finito il lockdown, oltre 117 mila proprietari hanno cambiato idea restituendo l’animale al canile o affidandolo ad un’altra famiglia. Le ragioni principali per cui i proprietari hanno rinunciato alla compagnia del cane adottato durante la pandemia sono che, una volta finito il lockdown, si sono resi conto che l’animale diventava troppo complesso da gestire (63%) o causava danni materiali (37%).

Cani abbandonati, come contrastare il fenomeno

Irene Giani, esperta nel campo delle assicurazioni di animali animali, spiega: «È un peccato che tanti italiani rinuncino alla gioia della compagnia di un cane o di un gatto per la paura dei danni che l’animale potrebbe causare. Oggi - dice Giani - esistono tante assicurazioni per cani e gatti che, con poche decine di euro all’anno, non solo mettono al riparo il padrone dai rischi economici legati all’esuberanza dell’animale ma, anche, possono assistere in caso di viaggio con i nostri amici a quattro zampe. In un momento in cui stanno per cominciare le vacanze estive, è importante saperlo per cercare di contrastare sempre di più il terribile fenomeno degli abbandoni».

Ultimo aggiornamento: 15:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA