Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cani, cuccioli abbandonati in un sacchetto sigillato in montagna: li salva un manutentore

Giovedì 18 Agosto 2022 di Sonia Paglia
Cani, cuccioli abbandonati in un sacchetto sigillato in montagna: li salva un manutentore

Cuccioli di cane chiusi in un sacchetto di plastica e abbandonati in montagna. E' successo nel Comune di Scontrone, a pochi passi dalla cittadina di Castel di Sangro. A trovarli, Matteo Melone, 40 anni, manutentore, residente ad Alfedena.

Melone stava passeggiando lungo il fiume, nella parte alta del paese, quando i suoi amici a quattro zampe, si sono avvicinati a un cespuglio, annusando una busta di plastica, chiusa ermeticamente. Poi, si sono uditi alcuni gemiti. Così Melone ha deciso di aprire quel contenitore, trovando all'interno, tre cuccioli (foto), probabilmente di razza Labrador. Si tratta di due maschi e una femmina, messi al mondo da qualche giorno e ancora con gli occhi chiusi.

Il 40enne li ha adagiati sull'erba, rifocillandoli con acqua. Poi, ha deciso di portarli a casa, posizionandoli in una scatola di cartone, per facilitarne il trasporto. Ad aiutarlo, Magda Silvestri, insegnante in pensione, che ha una grande passione per gli animali. I due si sono subito attivati per custodire i cagnolini, dando loro il latte, ogni tre ore. «Fortunatamente quando li ho trovati, erano ancora vivi- commenta Melone- è stato davvero un caso passare in quella strada. Ho provato un sentimento di tenerezza e rabbia, nello stesso tempo, per il gesto perpetrato da qualcuno senza cuore. Sarebbero morti soffocati. Così li ho condotti a casa e nutriti».

L'indomani è stato informato il veterinario della Asl, Maurizio D'Amico, per i necessari interventi di competenza. Così come i carabinieri della stazione di Alfedena, comandati dal luogotenente, Maurizio Lenci, della Compagnia di Castel di Sangro. La notizia si è diffusa velocemente in Alto Sangro, con indignazione da parte degli animalisti, che hanno apprezzato oltremodo il gesto generoso del 40enne, condannando l'azione crudele di chi, invece, li ha lasciati chiusi dentro quel sacchetto, con il chiaro intento di disfarsene.
 

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 17:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA