Cicogna bianca rara impallinata e uccisa, stava costruendo il nido sul campanile dell'oratorio a Lodi

Domenica 26 Settembre 2021 di Remo Sabatini
La cicogna bianca impallinata e uccisa. (Immag diffusa dall'associazione animalista Franca Valeri onlus)

Lei era una bellissima cicogna. Bianca, di specie e di fatto, era nel pieno della sua vita. Tanto che, tornata dal suo lungo viaggio, si era finalmente fermata per costruire il nido. Per quello, poi, non aveva scelto un posto qualunque ma, insieme al suo compagno, lo aveva cercato, voluto. Alla fine, quel luogo scelto dove sarebbero dovuti nascere i loro piccoli, era stato individuato nel campanile dell'oratorio di Zelo Buon Persico, località di poco più di 7mila abitanti della provincia di Lodi. Poi, mentre tutto sembrava andare per il verso giusto, la tragedia. Per qualcuno, infatti, quella cicogna che voleva diventare mamma non era altro che un facile bersaglio.

 

Lupa impiccata davanti al municipio, a fianco un macabro biglietto: «Svegliati. È già troppo tardi»

 

Cicogna bianca rara impallinata e uccisa

Così aveva aspettato che fosse in volo per colpirla a tradimento con il suo fucile ad aria compressa, freddandola sul colpo e distruggendo in un lampo il futuro non soltanto di una cicogna ma di una intera stirpe. "La cicogna bianca, spiega in un comunicato affidato ai social l'associazione animalista Franca Valeri che ha diffuso le immagini che pubblichiamo, data l'estrema rarità delle coppie nidificano, è una specie particolarmente protetta". Ma non è tutto, le cicogne sono monogame e rimangono con il compagno per tutta la vita. Con lui, o lei, di anno in anno costruiscono o ristrutturano il nido che ospiterà i loro piccoli. "Già, ha sottolinea l'associazione, chi compie questi gesti tremendi,  cosa ne sa del loro lungo viaggio, della loro vita?". E poi, "Ora il maschio è rimasto solo e disperato". E quel nido rimarrà vuoto per sempre.

Ultimo aggiornamento: 18:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA