Cucciolo di cinghiale si avvicina ai cacciatori per giocare, ucciso a bruciapelo: sdegno social in Francia

Sabato 27 Febbraio 2021 di Remo Sabatini
Cucciolo di cinghiale si avvicina ai cacciatori per giocare, ucciso a bruciapelo: sdegno social in Francia

Lui si chiamava Hercules. A dispetto del suo nome, era ancora un cinghialetto di 10 mesi giocherellone che si è fidato delle persone sbagliate. Ma cominciamo dall'inizio. Siamo in Francia, all'interno di una enorme tenuta privata di quasi 170 ettari del dipartimento francese di Senna e Marna. Lì, da qualche tempo, vive anche il cinghialetto che, praticamente adottato dal selvicoltore Alain Martin, scorrazza indisturbato. Passano le settimane e Hercules cresce con quella curiosità tipica dei cuccioli che lo faranno diventare un vero e proprio beniamino. Poi, era la fine del 2019, improvvisamente il cucciolo scompare. Inutili le ricerche. Sembra che Hercules si sia volatilizzato. Che sia fuggito nei boschi? Forse. La realtà, purtroppo, si rivelerà ben più cruda e violenta. Sì perché è di queste ore la diffusione di un drammatico filmato che svela la triste fine del cucciolo.

Roma, strade invase dai cinghiali: limite a 40 chilometri orari

Pubblicato sui social da Hugo Clement, racconta gli ultimi terribili momenti di vita del cinghialetto. Nel video, infatti, si vede una squadra di cacciatori che, armi in spalla, viene avvicinata da Hercules. Il cucciolo, come documentato dalle immagini riprese da uno dei presenti, ha voglia di giocare e non dimostra nessuna paura per quegli uomini vestiti in modo così strano. Così, li segue tranquillo, passo a passo. Fino a quando, qualcuno di quei cacciatori, inspiegabilmente spara a bruciapelo freddando  povero conghiale. Il tremendo filmato, oltre ad indignare il web, è stato visionato anche dall'uomo che si era preso cura del cucciolo. "Ho visto il mio Hercules, ha detto Alain Martin in una intervista, mentre veniva ucciso. È stato come se mi avessero dato una coltellata". A seguito della diffusione del filmato le autorità competenti hanno aperto una inchiesta volta a trovare i colpevoli di quella che è stata definita da chi ha visto le immagini, una crudele esecuzione.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 18:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA