Salerno: galline torturate
per la festa della Madonna

5
  • 15750
Una festa. Chiamiamola così. Anzi. Una tradizione. Una di quelle assurde. Che ancora una volta usa gli animali come cose. Maltrattandoli. Di più. Torturandoli non si capisce nel nome di che. Accade a Pagani. In provincia di Salerno. Stavolta le vittime designate sono galline.

Sì perché per l'appunto una tradizione popolare racconta che nel XVI secolo, questi volatili razzolando portarono alla luce una icona della Madonna che era stata sotterrata per sottrarla all’attacco dei Saraceni. E così da allora i contadini di Pagani offrono alla Vergine alcune galline in segno di devozione.

La festa della Madonna delle Galline si tiene ogni domenica successiva alla Pasqua. I poveri volatili continuano a essere donati ai piedi della statua, a volte anche con le ali spezzate e con le zampe legate. Lasciati per tutto il giorno. Sotto il sole. Costretti a sopportare il caos dei festeggiamenti e persino i fuochi pirotecnici.

Pensate - denuncia Nonsoloanimali - quando esplodono i botti, la gente grida ingenuamente al miracolo perché i volatili non si muovono. Ma come potrebbero visto che rimangono letteralmente paralizzati per il terrore? Con il rischio di morire di infarto.

Non solo. La processione con la statua della Madonna si svolge con un carro al seguito completamente addobbato di fiori e volatili legati uno accanto all’altro. Compresi pavoni, oche e piccioni che - costretti a una innaturale convivenza forzata - si difendono beccandosi uno con l’altro ferendosi anche in modo grave.  La questione
«Madonna delle Galline» è stata portata in parlamento anche dal Cinquestelle Paolo Bernini.

Sinceramente viene da chiedersi che senso possa avere una tradizione così assurda e crudele. Roba da Medioevo. Anche perché basterebbe semplicemente sostituire gli animali con fantocci di piume e paglia. Non cambierebbe niente. Lasciando in pace le povere galline già nate sotto la cattiva stella di una vita breve e spesso molto triste. 
Di certo la Madonna apprezzerebbe di più. 
Martedì 25 Aprile 2017, 11:47 - Ultimo aggiornamento: 26 Aprile, 22:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-05-02 11:43:57
che schifo di festa...nel 2017 ancora con questa assurda commemorazione ridicola e stupida...andate a quel paese assassini.
2017-04-28 12:29:11
Giù le mani da questa commemorazione religiosa! Non ne possiamo più di animalisti, vegani, vegetariani, etc... Pronti solo a contestare qualsiasi evento o manifestazione a loro non congeniale, in questo caso addirittura un evento religioso!
2017-04-25 22:35:13
potete pubblicare le foto di questi massacri di cui parlate perkè francamente io sono 40 anni ke vedo qsta festa come una grande commemorazione cittadina e nn ho mai notato qste carneficine di volatili.Se davvero vi interessano i massacri andate a fare i servizi dove davvero avvengono tipo gli allevamenti lager allora si ke sarò dalla vostra parte.
2017-04-25 19:34:01
Trovo lodevole il nuovo corso che avete intrapreso da qualche tempo a questa parte, creando angoli per le adozioni di animali e articoli di denuncia di maltrattamenti verso gli animali indifesi. Bravi.
2017-04-25 18:17:40
Come al solito il problema si tenta sempre di risolverlo in base a quali poteri si va a intaccare, in questo caso il potere della chiesa, perchè non si presenta la guardia forestale e sequestra tutto e denuncia la chiesa e chi esercita questo maltrattamento animale? Quando si trattava di farlo con persone normali non si è perso un secondo a trattare il mal capitato come il peggiore dei delinquenti, mentre in questo caso facciamo addirittura un interrogazione parlamentare? Che nazione può essere una nazione dove si usano sempre due pesi e due misure ?

QUICKMAP