Gattina veglia da mesi sulla tomba della sua amica cagnolina morta: la tenera storia di Monday e Yukiko

Monday, la gattina che veglia da mesi la cagnolina morta (immag diffusa sui social da Simona Iacob)
Monday, la gattina che veglia da mesi la cagnolina morta (immag diffusa sui social da Simona Iacob)
di Remo Sabatini
Mercoledì 16 Novembre 2022, 11:57 - Ultimo agg. 17 Novembre, 14:17
3 Minuti di Lettura

«Se state dubitando della lealtà, siete nel torto. Esiste davvero». Con queste parole, Simona Iacob, infermiera nella Val di Fassa, ha voluto raccontare una storia che sembra uscita da un libro di fiabe. Una storia che racconta di una grande amicizia tra una gattina e una cagnolina che, oltre la specie, è andata persino oltre la morte. Sì perché Yukiko, la dolce cagnolina, una spitz giapponese che viveva con Simona da 10 anni, un brutto giorno di agosto se n'è andata per sempre lasciando tutti nella disperazione, l'amata padroncina e Monday la gattina, sua amica per la pelle. Questa storia, però, non finisce qui. Anzi, proprio come nelle favole, ha un nuovo inizio.

 

La tenera storia di Monday e Yukiko

Come per magia, dal giorno della tragica scomparsa, infatti, Monday la gattina che vive in una abitazione a due passi da quella di Simona, dopo aver cercato inutilmente la sua amica resasi poi conto dell'accaduto, trascorre le sue giornate vegliando la cagnetta sepolta sotto il loro albero preferito, un acero. Proprio lì, come documentato dalle immagini diffuse sui social dalla Iacob, Monday si accuccia, veglia, si addormenta. «Ad agosto ho perso la creatura più bella che conosco, essere fiabesco e puro, la mia cagnolina Yukiko», ha scritto Simona sulla propria pagina social.

«A distanza di giorni - ha sottolineato - un altro essere fiabesco di è insediato nella nostra realtà,  la sua amica Monday che ha lasciato il suo papo per risiedere vicino alla tomba di Yukiko». Ormai da mesi, la gattina continua a dedicare le sue giornate, così come le notti, alla sua amica del cuore. Perché si sa, la vera amicizia è per sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA