Cani, una famiglia trasforma il Golden Retriever morto in un tappeto: l'ornamento funebre postato sui social

Pioggia di commenti su Instagram: "Non potrei farlo"

Famiglia australiana trasforma il cane morto in un tappeto
Famiglia australiana trasforma il cane morto in un tappeto
Lunedì 7 Novembre 2022, 14:49 - Ultimo agg. 8 Novembre, 09:20
3 Minuti di Lettura

Assurda e al tempo stesso agghiacciante la scelta di una famiglia australiana che ha deciso di conservare la pelliccia del suo Golden Retriever morto e di farne un tappeto. È il desiderio di avere un ricordo del proprio cane che spinge questa famiglia a contattare un'esperta di tassidermia. «Non ho fatto un tappeto da soggiorno. Creo memoriali per coloro che vogliono avere un ricordo fisico del proprio animale» ha affermato Maddy, proprietaria della società Chimerataxidermy, che poi ha condiviso sui social il risultato del lavoro commissionato. Come spiega l'esperta, non si tratta infatti di tappeti su cui camminare, bensì di oggetti commemorativi simili a un'urna conservata sullo scaffale.

I commenti rimbalzati sui social

Un post che ha generato subito una lunga serie di commenti. In molti hanno guardato positivamente alla scelta fatta da questa famiglia. «Non credo che le persone capiscano quanto sia speciale quest'arte e quanta pace possa dare» ha scritto qualcuno. Ma sono arrivati commenti anche come «Adoro te e i proprietari che trovano conforto nei tuoi servizi» o ancora «Preferirei di gran lunga una pelle o un tassidermia piuttosto che cenere». Tuttavia c'è anche chi non ha apprezzato il gesto. «I miei ricordi mi danno pace, non potrei farlo, mi renderebbe le cose più difficili» ha detto qualcuno.

Maddy e il suo lavoro come tassidermista

Maddy ha 29 anni e pratica la tassidermia da quando ne aveva 18. Negli ultimi anni la sua popolarità è aumentata vertiginosamente. «È gratificante sapere di poter aiutare le persone con il loro dolore e consentire che una parte del loro animale domestico possa restare per sempre» ha detto Maddy a Yahoo News Australia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA