Kenya, uccidono e macellano una giraffa sul posto: i ranger sorprendono i bracconieri e aprono il fuoco

Sul posto i fuorilegge hanno lasciato tre telefoni cellulari, un'ascia e diversi coltelli

La giraffa uccisa (immag diffusa dal Kenya Wildlife Service, nel tondo, repertorio Ansa)
La giraffa uccisa (immag diffusa dal Kenya Wildlife Service, nel tondo, repertorio Ansa)
di Remo Sabatini
Sabato 12 Novembre 2022, 12:53 - Ultimo agg. 13 Novembre, 13:26
3 Minuti di Lettura

Quando sono arrivati sul posto, per la povera giraffa non c'era più nulla da fare. Uccisa, era stata già macellata quasi per intero da bracconieri armati. Il drammatico episodio che ha visto consumare anche una sparatoria, è accaduto nell'area di Danyure, in Kenya, a due passi dal confine con la Somalia. Protagonisti della vicenda sei bracconieri, una squadra di ranger del Kenya Wildlife Service e una giraffa. "Quando siamo giunti sul posto, grazie ad una richiesta di intervento pervenuta al nostro ufficio, ha spiegato un portavoce dei ranger, ci siamo trovati di fronte una scena drammatica e straziante". A terra, infatti, giaceva quel che rimaneva di una giraffa adulta. Uccisa e straziata, era circondata da sei uomini armati che si davano da fare con coltelli e un'ascia.

La fuga dei bracconieri

A quel punto, è iniziato uno scontro a fuoco che ha significato la fuga dei bracconieri. "Sul posto, spiega il comunicato seguito allo scontro a fuoco, i fuorilegge hanno lasciato tre telefoni cellulari, un'ascia, diversi coltelli oltre ai mezzi di locomozione e, ovviamente la giraffa fatta a pezzi". La vicenda ripropone la questione del bracconaggio che sta facendo scomparire le giraffe non soltanto dal Kenya ma dall'intero continente africano. Stando agli ultimi dati relativi a questa specie, è stato calcolato che negli ultimi 30 anni le giraffe sono diminuite di almeno il 40%. Numeri e dati preoccupanti che hanno fatto inserire la giraffa nella tragica lista delle specie vulnerabili. Ad oggi, sarebbero meno di 100mila gli esemplari rimasti in tutta l'Africa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA