Militare spara e uccide un cane: «Stava attaccando mia figlia», i proprietari: «Non è vero». Tensione a Venezia

Giovedì 12 Agosto 2021 di Davide Tamiello
CUCCIOLO Il cane è stato soppresso, aveva quasi un anno

Il cane, libero, si sarebbe scagliato contro di lui e la figlia. A quel punto l’uomo, un ufficiale della guardia costiera, non ha esitato: ha preso la pistola, detenuta per difesa personale (non, quindi, quella d’ordinanza), e ha fatto fuoco contro l’animale. L’episodio risale a qualche giorno fa, a Marcon (Venezia).
Il militare si è presentato spontaneamente alla caserma locale dei carabinieri per raccontare l’accaduto: al momento non vi sono indagati sulla vicenda, ma essendo stati esplosi dei colpi d’arma da fuoco i carabinieri hanno dovuto segnalare la cosa alla procura, che ora deciderà come procedere con gli approfondimenti. Stando alla ricostruzione dell’uomo, fornita ai carabinieri, quel cane, un Amstaff, aveva già aggredito l’anziana madre qualche giorno prima. Poi la nuova aggressione: l’uomo stava andando in garage insieme alla figlia quando ha visto l’animale libero scagliarsi contro di lei.

Militare spara e uccide un cane, è polemica

 

L’uomo ha impugnato la pistola e avrebbe mirato alle zampe. L’animale, come appreso dai carabinieri, è stato portato in una clinica veterinaria e operato. Da quanto ricostruito dai militari, quel cane era già stato segnalato per alcuni episodi precedenti: nei mesi scorsi, a quanto pare, anche altre persone avevano lamentato il suo muoversi liberamente, senza guinzaglio e senza museruola. La notizia, però, sui social, è diventata virale ma con un’altra versione, quella dei proprietari che, peraltro, in un post hanno spiegato di aver dovuto scegliere di far sopprimere l’animale perché il proiettile, ferendolo alla colonna vertebrale, l’aveva paralizzato dalla testa in giù. 

Cagnolino legato a un tronco, sotto il sole rovente e senza cibo: salvato dai carabinieri, denunciato il proprietario


Secondo i proprietari del cane, un amstaff di quasi un anno, l’uomo avrebbe sparato all’animale all’interno della loro proprietà. «Lui si difende - scrive la giovane padrona del cane - dicendo che il cane lo stava aggredendo, ma il cane era totalmente disinteressato alla persona in causa ed è stato colpito alla spalla e di sbiego quindi in un impossibile posizione di attacco».

Morto il cane pastore ustionato a causa degli incendi in Sardegna.


Sul caso, ora, si attendono le indagini dei carabinieri anche se, al momento, non risultano denunce depositate da parte dei padroni del cane. L’unica segnalazione dell’episodio è quella fornita dall’ufficiale. Andrà verificato, quindi, se la dinamica sia quella raccontata dal militare, cioè di essersi difeso dall’aggressione di un animale comunque potenzialmente pericoloso, o quella della famiglia.

Spacciatore butta il panetto di droga nel giardino di una villetta, il cane lo mangia e muore
 

Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 12:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA