Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oristano, cavallo muore d'infarto dopo una gara a 41 gradi: la protesta degli animalisti

Lunedì 25 Luglio 2022
Oristano, cavallo muore d'infarto dopo una gara a 41°: la protesta degli animalisti

È stramazzato al suolo ed è morto dopo aver partecipato a una gara di salto a ostacoli nell'ora piu' calda della giornata. Così è deceduto nel suo box Korona Klaudius, un cavallo baio del 2004, stroncato da un infarto. È successo ad Abbasanta (Oristano), in Sardegna, Korona Klaudius aveva appena terminato il percorso nel salto a ostacoli 115, che si è disputata alle 13.30 sotto un sole cocente e una temperatura assai elevata, almeno 41°. Rientrato nel suo box, il cavallo è morto per un infarto sollevando un coro di protesta. A nulla sono serviti i tentativi di rianimare il cavallo, ormai troppo stremato dalla gara e dal caldo. 

Cavallo muore durante il pellegrinaggio, ragazzo schiacciato dall'animale crollato a terra: salvato

Oristano, cavallo muore d'infarto dopo gara 

«Valeva la pena far partecipare un cavallo anziano a queste temperature per una garetta di poco valore? Cosa ci facevano i cavalli in campo alle 13 con 40 gradi?» sottolinea Roberta Ravello, dell’associazione Horse Angels, a GalluraOggi - Esiste una ordinanza ministeriale che vieta il trasporto di animali vivi con temperature sopra i 30 gradi, almeno per le tratte lunghe. A che ora ha viaggiato il cavallo per arrivare a Tanca Regia e da dove? Aveva un mezzo ventilato per il trasporto? E il famoso certificato di idoneità agonistica?».

Tante le domande e tanta la rabbia. Non è la prima volta che un cavallo muore durante o appena dopo una gara. Drammi che continuano a ripetersi nonostante le denunce a più riprese delle associazioni ambientaliste.

Ultimo aggiornamento: 18:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA