Orsi rinchiusi nella gabbia dello zoo bulgaro. Le tristi immagini riprese dalle associazioni: «Liberateli»

Mercoledì 14 Aprile 2021 di Remo Sabatini
Orsi rinchiusi nella gabbia dello zoo bulgaro. Le tristi immagini riprese dalle associazioni: «Liberateli»

Qualche striminzito ciuffo d'erba qua e là. Questo il solo verde che hanno a disposizione gli orsi rinchiusi in una gabbia di cemento dello zoo bulgaro di Lovech, cittadina di poco più di quarantamila anime, a 150 chilometri da Sofia. Il resto è calcestruzzo ovunque e sbarre di ferro arrugginito alle finestre. Questa, in due parole, la dimora degli orsi che la direzione dello zoo ha pensato per loro.

Così, come accaduto ai volontari di Four Paws International, è uno strazio vedere le drammatiche condizioni che sono costretti a sopportare quegli orsi. «I recinti sono sporchi e obsoleti, hanno commentato dopo il sopralluogo i volontari dell'associazione. Certamente non adatti a detenere gli animali».

D'altro canto le immagini riprese da Hristo Vkadev di Four Paws, parlano chiaro e sembrano confermare quanto denunciato da chi, ora, sta cercando aiuto per il loro trasferimento. «Il nostro team, ha sottolineato l'associazione, ha documentato l'assoluta mancanza di vegetazione in quelle gabbie sporche e coperte soltanto da feci». Il Lovech Zoo, oltre a sei orsi, detiene tra gli altri, due tigri e due leoni.

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA