Peste suina africana, tremano gli Stati Uniti per il virus che stermina i maiali

Giovedì 30 Settembre 2021 di Mario Landi
Peste suina africana, tremano gli Stati Uniti per il virus che stermina i maiali

La peste suina africana spaventa l'America che registra il primo focolaio del virus degli ultimi 40 anni, come riporta Bloomberg. Il 28 luglio il contagio è stato documentato negli allevamenti della Repubblica Dominicana dopo che a settembre la malattia devastante era stata riscontrata nella vicina Haiti. Ora gli Stati Uniti, il più grande produttore di carne di maiale al mondo dopo la Cina (il fatturato dell'industria è pari a 7,7 miliardi di dollari), si stanno adoperando per impedire che il virus arrivi a riva.

«Covid nato da una malattia mortale nei maiali»: il nuovo studio mette in discussione l'origine del virus

Peste suina, il focolaio nei Caraibi

Anche se Porto Rico è a più di 2.200 miglia dai celebri allevamenti dello Iowa, stanno aumentando i timori che il focolaio nell'isola caraibica possa innescare un divieto all'esportazione di tutti i prodotti a base di carne di maiale degli Stati Uniti. «Questo non è solo un problema portoricano - afferma il ministro dell'Agricoltura dell'isola Ramón González - ma un problema per tutti gli Stati Uniti». La peste suina africana, o PSA, è una malattia emorragica virale che dilania gli allevamenti di suini. I capi contagiati di solito muoiono entro 10 giorni. «Fondamentalmente sanguinano», afferma Liz Wagstrom, capo veterinario del National Pork Producers Council, gruppo industriale che rappresenta 60.000 allevatori di maiali statunitensi. «Questa è probabilmente la malattia dei maiali più temuta».

Peste suina africana, primo caso in Germania: malattia registrata in un cinghiale di Brandeburgo

Ciò che rende la PSA così pericolosa è che è difficile da sradicare almeno quanto è facile da trasmettere. I ricercatori hanno trovato il virus nel midollo osseo di animali morti da tempo e persino nei prodotti a base di prosciutto stagionato. Il virus si diffonde anche grazie a sporco e letame. Quel che è peggio sono le le cure, inesistenti. Poiché non esiste alcun trattamento per la peste suina, il massacro di massa è uno dei pochi modi per controllare la malattia. La Repubblica Dominicana ha già abbattuto più di 65.700 suini quest'anno nel tentativo di evitare il ripetersi dell'epidemia degli anni '70 (fu sterminato l'intero bestiame, più di 1,4 milioni di animali).

Coronavirus, Taiwan mette al bando la carne di maiale italiana

I timori internazionali

«Questa potrebbe essere la più grave crisi sanitaria per gli animali della nostra generazione»», afferma Gregorio Torres, capo del dipartimento scientifico dell'Organizzazione mondiale per la salute animale, organismo con sede a Parigi. Gli Stati Uniti non importano prodotti a base di carne di maiale da Haiti o dalla Repubblica Dominicana perché le due nazioni hanno anche la classica peste suina meno mortale. Porto Rico ha recentemente vietato l'esportazione o il trasporto di prodotti a base di carne di maiale nel continente americano, compresa l'onnipresente empanadilla, una prelibatezza locale. E i porti e gli aeroporti dell'isola sono monitorati, anche da cani che annusano la carne di maiale. Ma le rotte del traffico di migranti non sono controllabili e il rischio di esportazione clandestina negli Stati Uniti e altissimo

 

Ultimo aggiornamento: 20:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA