Piccioni viaggiatori, scomparsi cinquemila uccelli: «Disorientati da una tempesta geomagnetica»

Sabato 26 Giugno 2021
Piccioni viaggiatori, scomparsi cinquemila uccelli: «Disorientati da una tempesta geomagnetica»

«Abbiamo assistito ad uno dei peggiori giorni nella nostra storia», diece l'esperto di piccioni Richard Sayersl su Facebook, raccontando la sventura che ha visto scomparire nel nulla 5 mila piccioni viaggiatori da corsa sabato scorso in tutta la Gran Bretagna. 9 mila uccelli da corsa erano decollati da Peterborough, nel Cambridgeshire, in un viaggio verso il nord-est. E sebbene il volo di andata e ritorno di 270 chilometri avrebbe dovuto impiegare solo tre ore, oltre la metà dei concorrenti pennuti erano ancora dispersa la scorsa notte. «La maggior parte degli allevatori con cui sto parlando sta incolpando le condizioni atmosferiche - forse una tempesta solare sopra le nuvole che ha creato elettricità statica nell'atmosfera - ma nessuno lo sa davvero», ha detto Sayersl, riporta il Mail.

Tempesta geomagnetica: ritornato solo il 10%,

Secondo quanto riferisce il Sun, il gruppo di uccelli scomparsi facevano parte di 250.000 piccioni rilasciati in circa 50 eventi di corse in tutto il paese, ma solo il 10% è poi tornato in tempo mentre altre decine di migliaia sono stati dichiarati dispersi.

 

 

Non è chiaro per quale motivo il gruppo di piccioni sia svanito nel nulla. Tuttavia, Sayers, la cui piccionaia locale ha perso fino a 300 uccelli, ha affermato che la maggior parte degli allevatori sta «incolpando le condizioni atmosferiche, forse una tempesta solare sopra le nuvole che ha creato elettricità statica nell'atmosfera». I piccioni viaggiatori usano il campo magnetico terrestre per navigare, come un Gps, ma possono essere disorientati se c'è una tempesta geomagnetica.

 

Orso investito da un camion, l'animale ferito è fuggito: si teme per la sua sorte

 

Ian Evans, CEO della Royal Pigeon Racing Association, ritiene il fenomeno della scomparsa particolarmente sconcertante, dato che «le condizioni meteorologiche in tutto il paese erano buone». Ha aggiunto che «non c'era nulla che suggerisse che gli uccelli avrebbero faticato a tornare a casa». «Non ho mai sentito niente di simile» in 45 anni, ha aggiunto.

 

 

Per aiutare a reintegrare le perdite, Sayers chiede a «chiunque incontra un piccione viaggiatore di nutrirlo, idratarlo e lasciarlo riposare», data la loro riconoscibilità dell'esemplare grazie ad un anello con «codice e numero», dopodiché, aggiunge, «c'è una probabilità dell'80% che gli uccelli si mettano in viaggio dopo pochi giorni», riporta il Daily Mail. 

Le impronte di dinosauro di Sezze: domani un appuntamento alla scoperta del monumento naturale

Ultimo aggiornamento: 16:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA