Scoperti squali che brillano negli abissi, uno è il più grande vertebrato bioluminescente

Martedì 2 Marzo 2021
La luminescenza osservata nel Dalatias licha

I ricercatori che hanno studiato gli squali che vivono nelle profondità del mare, nelle acque della Nuova Zelanda, hanno scoperto che tre specie hanno la capacità di diventare brillare nell'oscurità e una di queste è risultata essere il più grande vertebrato esistente dotato di bioluminescenza. 

La bioluminescenza è un fenomeno molto comune in natura (pensiamo alle lucciole) ma anche negli esseri viventi marini, come alghe e pesci. La nave Chatham Rise ha riscontrato che lo squalo zigrino (Dalatias licha),  lo squalo lucifero (Etmopterus lucifer) e lo squalo lanterna meridionale (Etmopterus granulosus) hanno tutti questa caratteristica.

Lo squalo zigrino, in particolare, può raggiungere quasi i due metri, e deve quindi essere classificato come il più grande vertebrato luminescente, tanto da essere ora soprannominato il "grande squalo luminoso".

Bioluminescenza, il mare si illumina: ecco dove fare il bagno tra mille luci blu

I ricercatori dell'Université Catholique de Louvain in Belgio e del National Institute of Water and Atmospheric Research (NIWA) neozelandese, hanno detto al Guardian che le loro scoperte hanno serie ripercussioni sulle nostre conoscenze degli animali che vivono negli abissi marini, uno degli ecosistemi meno studiati del pianeta.

 

Tutti gli squali vivono in una zona detta mesopelagica, o "crepuscolare" del mare, tra i duecento e i mille metri di profondità, dove la luce del sole non arriva. La luminescenza potrebbe servire come un sistema per camuffarsi da altri predatori. Nel caso dello squalo zigrino, che di nemici in mare ne ha molto pochi, questa caratteristica potrebbe anche servire per illuminare il fondo marino, evidenziando eventali prede, o per camuffarsi in qualche altra specie marina. 

California, il mare si illumina di blu: lo spettacolo delle alghe bioluminiscenti

Per confermare queste ipotesi, hanno scritto i ricercatori nello studio pubblicato su Frontiers in Marine Science journal, serviranno altre ricerche. «Considerando la vastità delle profondità marine e la quantià di organismi dotati di luminescenza, è sempre più evidente che  questa caratteristica gioca un importante ruolo nel più grande ecosistema del nostro pianeta». 

Ultimo aggiornamento: 13:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA