Squali cannibali sbranano a metà squalo zombie che continua a cacciare

Giovedì 25 Novembre 2021 di Remo Sabatini
Lo squalo attaccato dai suoi simili (immagini diffuse da The Sun e New York Post)

Squali cannibali e squali zombie: in un video la dimostrazione di due aspetti della vita del re dei predatori del mare. Gli squali attaccano anche i loro simili e inoltre sono dannatamente resistenti, al punto da continuare a cacciare anche se sbranati a metà. Le riprese arrivano della costa spagnola dal team di studiosi capitanato da Mario Lebrato: protagonisti un Oceanic Blacktip, la vittima, squalo di medie dimensioni ancora abbastanza comune nei mari di mezzo mondo, e quella che è stata definita una "gang" di squali cannibali tra i quali il pericoloso Bull Shark, meglio conosciuto come Squalo Toro o Squalo Zambezi. 

Tutto era iniziato quando, durante le operazioni di studio e ricerca, il Blacktip era stato rimesso in acqua.

Qui il video

Un esperimento finito malissimo: sono arrivati numerosi squali che hanno attaccato il Blacktip che a ogni morso dei rivali perdeva ampie parti del corpo. Le acque si sono presto colorate di rosso. Fa impressione vedere quel resta dello squalo fare finta di nulla e continuare a sua volta cercare prede: il blacktip è talmente malmesso da essere stato ribattezzato squalo zombie. In realtà è nota la resistenza di questi animali ai vertici della catena alimentare. Già in passato sono stati ripresi squali sopravvissuti a lungo in condizioni apparentemente impossibili da sopportare.  Noto anche il cannibalismo fra squali, anche se non comune, almeno fino a quando abbondano altre prede.

 

<iframe width="550" height="330" src="https://www.youtube.com/embed/TdeEJFy3eh0" title="YouTube video player" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>

Ultimo aggiornamento: 17:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA