Strage di cetacei nel mare del Giappone, uccisa intera famiglia di “grampi”. Le immagini

Venerdì 26 Novembre 2021 di Remo Sabatini
I pescatori giapponesi con alcune delle loro prede (immag diffuse da Dolphin Project e L.I.A. sui social)

Una intera famiglia di “grampi” è stata trucidata poche ore fa in Giappone. Il pod, composto da ben 21 esemplari di cetacei, dopo essere stato intercettato al largo, è stato sospinto all'interno della ormai drammaticamente nota Baia di Taiji dove, come documentato dalle immagini appena diffuse da Life Investigation Agency e Dolphin Project, è stato sterminato senza pietà ad opera dei pescatori. La strage odierna si aggiunge alle decine che, dall'inizio della stagione di caccia, stanno determinando la scomparsa di diverse specie di delfini da quelle acque. Nonostante le proteste internazionali di associazioni e animalisti, la caccia sembra continuare senza problemi. Tanto che, per l'hanno in corso, il governo di quel Paese ha persino innalzato le quote previste arrivando a sfiorare le 1500 unità. Tra le specie maggiormente coinvolte, i tursiopi (Tursiops trucatus) e stenelle (Stenella coeruleoalba) dove i piccoli più belli sono risparmiati per essere venduti a peso d'oro ai delfinari, e come abbiamo visto, i grampi (Grampus griseus). Gli esemplari uccisi, una volta macellati, vengono confezionati e venduti per il consumo umano.

Rolex sostiene la salvaguardia ambientale con Mission Blue e studia i delfini tra la Liguria e la Sardegna

Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA