Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, il gatto Simba in fuga dalle bombe ha riabbracciato la famiglia in Italia

Venerdì 15 Aprile 2022
Ucraina, il gatto Simba da Leopoli a Roma riabbraccia la famiglia grazie ai volontari

Oggi a mezzogiorno momenti di commozione alla sede dell'Enpa - Ente Nazionale per la protezione degli animali - a Roma dove il gatto Simba ha potuto ricongiungersi con la sua famiglia Svetlana ed Enzo, dopo un viaggio di oltre 20 giorni attraverso l'Europa.

Una staffetta emozionante che lo ha portato, grazie al l'aiuto di varie associazioni di volontariato europee, da Leopoli fino in Polonia e infine in Italia. «Per me lui è un figlio e mi mancava tantissimo. Mi è stato vicino in momenti molto complessi e mi ha dato la forza di affrontare sfide difficilissime della mia vita. Poterlo accarezzare è un emozione enorme! Grazie di cuore ad Enpa e a tutti coloro che hanno reso possibile tutto questo» sono state le parole di Svetlana nello stringere nuovamente il suo amico a quattro zampe. 

La storia di Simba 

Simba è un gatto arancione che ha sempre vissuto con Svetlana e Enzo, lei ucraina e lui italiano. La coppia vive in Italia ed ha una figlia, ma al momento dello scoppio della guerra si trovavano a Leopoli a casa della famiglia di Svetlana. Quando è iniziata l'invasione rusa russa la famiglia ha messo in atto una fuga rocambolesca: nella macchina si sono stretti in sei con nonna, figlia e tre nipotini piccoli e persino il cane. Simba però non ama i trasportini e non c'è stato modo di farlo entrare in auto. Così Svetlana è stata costretta a lasciarlo in custodia a un vicino, pensando che la situazione si sarebbe risolta presto e sarebbero potuti tornare a prenderlo. Ma quando la guerra è peggiorata, la coppia inizia a temere per il gatto: il loro appello è stato raccolto da Enpa, che si è attivata con la sua rete di contatti in Europa per organizzare il trasporto dell'animale in Italia. 

Così i volontari di Peta Germany (che collabora con Enpa per la campagna Cruelty Free Cosmetics)  Daniel e Teodora hanno recuperato Simba a Leopoli e lo hanno portato in Polonia. Da lì ha trovato un passaggio di "fortuna": "Sulla mail ucraina enpa.org, alcune persone di Roma hanno scritto dando disponibilità di portare in Italia qualcosa: le persone giuste per portare Simba a Roma" scrive l'Enpa in un comunicato "Li abbiamo contattati e l'ultima tappa del viaggio che ha riportato Simba a Svetlana è stata coperta con successo». 

Il presidente Enpa: «Ogni vita deve essere salvata»  

Per Cristina Rocchi, presidente di Enpa, Simba è un simbolo: «rappresenta i tanti fragili che sono rimasti indietro e di cui nessuno si deve dimenticare». E conclude: «per tutti coloro, umani e animali, che stanno soffrendo in Ucraina Enpa c'è e vuole esserci. Che si tratti di accogliere, inviare aiuti, utilizzare contatti e connessioni per aiutare le persone a raggiungere posti sicuri noi ci siamo. Ogni singola vita, umana o animale, merita protezione e soccorso».

 

Ultimo aggiornamento: 17:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA