Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Bano, furto (da 3.500 euro) nelle sue tenute di Cellino San Marco: «Fa male al cuore»

Martedì 22 Marzo 2022
Brindisi, Al Bano derubato: sradicati i pali del vigneto di Negramaro «Hanno distrutto il mio lavoro »

Ladri in azione nelle campagne di Brindisi, dove la notte tra il 20 e il 21 marzo ignoti hanno colpito la tenuta del cantante Al Bano Carrisi, in località Contrada Bosco a Cellino San Marco portando via circa 240 pali in ottone, sradicati dal vigneto di uva Negramaro. 

Al Bano «Fai le cose con amore, poi arriva chi distrugge»

«Hanno tagliato fili, tolto i pali, creando un danno all’interno dei vigneti, oltre che un disservizio» ha detto Al Bano, che ha espresso il suo rammarico alla stampa locale «Tu fai le cose per bene. Dedichi tanto tempo alla tua terra e lo fai con amore e passione. Poi, però, di colpo - conclude - arriva chi invece distrugge il tuo lavoro». «Fa male al cuore» prosegue l'artista «Ne hanno fatto parecchi in questi anni, ed ogni volta si prova tanta amarezza. Tu fai le cose con tanto amore, poi arriva qualcuno, per un capriccio o per un bisogno di soldi, e ti provoca questi danni. Ci sono uomini che costruiscono e uomini che distruggono: bisogna difendersi dai secondi».

Danno oltre i 3mila euro, è stata una banda

Il danno supera i 3mila euro e al momento sono in corso le indagini dei carabinieri della stazione di Cellino San Marco. È possibile che il colpo sia stato messo a segno da una banda, in quanto il trasporto di questa grande quantità di pali avrebbe richiesto l'utilizzo di un camion o un furgone. Non è il primo caso in zona: per i ladri ormai ogni metallo è prezioso, non solo il rame.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA