Bimbo diplomato a 9 anni, la storia di David Balogun: «Voglio diventare astrofisico, studiare buchi neri e supernove»

La mamma: «Ha la capacità di comprendere concetti che vanno ben oltre la sua età e, talvolta, anche la mia stessa comprensione»

David, il bimbo prodigio diplomato a 9 anni: «Voglio diventare astrofisico, studiare buchi neri e supernove»
David, il bimbo prodigio diplomato a 9 anni: «Voglio diventare astrofisico, studiare buchi neri e supernove»
Domenica 5 Febbraio 2023, 19:27 - Ultimo agg. 20:33
2 Minuti di Lettura

Un bambino di nove anni, appassionato di scienza e informatica, è diventato uno dei più giovani diplomati delle scuole superiori e ha già iniziato ad accumulare crediti per la laurea. È la storia del piccolo David Balogun, afroamericano, che ha recentemente ottenuto il diploma alla Reach Cyber Charter School – con sede ad Harrisburg - aggiudicandosi a pieno titolo il podio nella classifica dei più piccoli diplomati liceali, elenco stilato dal sito web di storia e cultura ancient.origin.

Il bambino più intelligente del Regno Unito: «A 3 anni legge e conta in sei lingue diverse, il suo Quoziente Intellettivo è molto alto»

David, il bimbo prodigio

L'unico in quella lista sopra David è stato Michael Kearney, che detiene ancora il Guinness World Record, diplomantosi a sei anni nel 1990 prima di ottenere un master a 18.

David, comunque, ha già le idee chiare sul suo futuro una volta completati gli studi. «Voglio diventare un astrofisico e voglio studiare buchi neri e supernove», ha detto il piccolo a  alla stazione. I genitori di David hanno entrambi titoli accademici avanzati, ma hanno detto alla stazione televisiva locale WGAL. 

I genitori, ovviamente fieri del figlio, hanno confessato che è stato difficile crescere un bambino con un intelletto così straordinario. «Dovevo uscire dagli schemi», ha detto la madre di David, Ronya. «Giocare a combattimenti con i cuscini? Preferiva altri. È un bambino di nove anni con un cervello straordinario, ha la capacità di comprendere concetti che vanno ben oltre la sua età e, talvolta, anche la mia stessa comprensione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA