Morto Bruno Piattelli, stilista romano che lavorò con i grandi del cinema: da Mastroianni a Sordi

Domenica 15 Agosto 2021 di Paola Pisa
Morto Bruno Piattelli, stilista romano che lavorò con i grandi del cinema: da Mastroianni a Sordi

Un maestro di eleganza. Un uomo raffinato che univa la passione per la moda classica con tocchi di avanguardia. È morto a Roma, dove era nato, Bruno Piattelli sarto rinomato, stilista, imprenditore. Collezionista. Aveva compiuto 94 anni il 2 agosto scorso. È stato uno dei fondatori del Made in Italy, che ha fatto conoscere al mondo, ed è stato tra i primi a mandare in passerella collezioni maschili, in un momento in cui le pedane erano riservate alle modelle. Era suo fedele cliente e amico Marcello Mastroianni per il quale ha creato vestiti e costumi per i film Casanova 70, La Decima Vittima, Le due vite di Mattia Pascal. Grande la passione per il cinema, tanto che ha firmato abiti per i set di registi come Visconti, De Sica, Monicelli, Fellini, Zeffirelli, Scola. Sempre accrescendo la propria cultura anche in questo settore.

 

È Morto Gianfranco D'Angelo, l'attore comico aveva 85 anni: dal Bagaglino a Drive In, nel 2019 l'ultimo film

 

Le passioni

«Il cinema e il teatro sono stati un grande amore» raccontava tra le decine e decine di foto che ritraevano i divi incontrati per lavoro. E a cui spesso rimaneva legato. Ha collaborato con costumisti del calibro di Piero Tosi, Maria De Matteis, Giulio Coltellacci. Ha vestito sul palcoscenico fantastici protagonisti come Alberto Sordi, Nono Manfredi, Paolo Panelli, Massimo Ghini, Carlo Dapporto, Gianni Agus, Gino Bramieri. Ma ha ideato abiti femminili e pieni di classe anche per Virna Lisi e Gina Lollobrigida. Non solo italiane le star che fanno parte del gotha di interpreti vestiti da Piattelli, ecco anche Michel Piccoli, Mickey Rooney, Pierre Clementi, George Segal, Orson Wells. I suoi costumi di scena sono esposti tra quelli dei grandi, nelle sezioni specializzate del Metropolitan Museum di New York e al Victoria&Albert di Londra. Aggiungendo così fama a quella che è una delle nostre glorie nazionali, la moda.

 

Morta Piera Degli Esposti, icona di teatro e cinema. Aveva 83 anni, era ricoverata a Roma

 


Romano, dotato di grande ironia e di amore per la cultura aveva messo insieme nel tempo una biblioteca immensa. Non solo libri, molti dei quali dedicati a Roma. Il suo orgoglio era L'Archivio Piattelli ricco di 15mila tra disegni, foto, documenti: un patrimonio raccolto negli anni che è stato addirittura dichiarato di interesse storico dal Ministero per i Beni Culturali. Bruno Piattelli era il discendente di una famiglia romana di grandi tradizioni: dopo aver frequentato il liceo Visconti, si era laureato alla Sapienza in giurisprudenza, ma l'amore per la sartoria si era manifestato presto ed era stato più forte degli studi appena terminati. Quella voglia di fare l'aveva ereditata dal padre che era titolare di un grande atelier in piazza San Silvestro. E prima ancora c'era stato il bisnonno che nel 1850 era alla guida di una bottega in Campo Marzio, dove si vendevano merceria e articoli di abbigliamento. La ditta presto si ingrandisce e acquista prestigio e fama e nel 1926 agli altri si aggiunge un negozio in Via Nazionale: è in quel periodo che l'azienda gestita dal padre di Bruno, Cesare Piattelli, diventa fornitrice ufficiale della Casa Reale e del Corpo Diplomatico. Presto arrivano le richieste di collaborazioni da parte di nomi arcinoti tra cui Lanerossi, Ellesse, Burberry's, Sanremo. Si moltiplicano i corner in importanti store come Barney's a New York e Liberty a Londra, poi a Boston, Tokyo, Hong Kong, Bangkok. Il nome gira. Arriva perfino in Cina quando nasce a Pechino la HongDu Piattelli Textile&Fashion Co LTD. Il negozio Piattelli di via delle Convertite, è il primo a Roma a proporre gli slip maschili. È internazionalissimo il rapporto con la Nasa, tanto che Bruno Piattelli disegna le maglie per gli astronauti. Sue le divise per il personale di terra dell'Alitalia e per la Squadra Olimpica Nazionale Italiana ad Atlanta e in Messico.

 

Gino Strada, come è morto? «C'erano problemi, lui lo sapeva», la rivelazione dell'amico Massimo Moratti

 

Il sequestro

Ma gli interessi sono tantissimi, tra gli altri quello per l'editoria che lo porta a stampare volumi che raccontano Roma e le sue arti e quello per l'enologia. Momento terribile di ansia per la famiglia Piattelli, quando nel 1979 la figlia di Bruno, Barbara, viene sequestrata. Sarà rilasciata dopo una lunga prigionia. Tra le iniziative per cui Bruno Piattelli verrà ricordato ci sono anche quella legate alla musica sinfonica: nasce nel 2002 l'Orchestra Sinfonica di Roma, di cui è Presidente. Piattelli era un uomo appassionato, di grande impegno e grande cultura. Uno stilista che coltivava l'eleganza in ogni sua manifestazione. La moda perde uno stimatissimo protagonista.
 

Ultimo aggiornamento: 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA