Morto Damon Weaver, il ragazzino prodigio che a 11 anni intervistò Obama: «Gli cambiò la vita»

Domenica 16 Maggio 2021
Morto Damon Weaver, il bambino che a 11 anni intervistò Obama

Damon Weaver, il bambino prodigio che a soli 11 anni anni intervistò Barack Obama, è morto lo scorso 1 maggio all'età di 23 anni. L'intervista di Damon aveva ottenuto grande eco negli Stati Uniti e lo aveva reso popolare in tutto il mondo. Ad annunciare la morte del giovane al Palm Beach Post è stata la sorella, Candace Hardy, che ha parlato di una morte per cause naturali, senza fornire ulteriori dettagli.

Biden-Trump, nuovo duello per la Casa Bianca nel 2024? «Scenario più probabile»

Weaver studiava comunicazione presso la Albany State University in Georgia. Il suo volto era molto conosciuto in America dopo la sua intervista del 13 agosto 2009, della durata di 10 minuti, all'allora presidente degli Stati Uniti. Tra i temi affrontati con Barack Obama nell'incontro alla Casa Bianca, l'istruzione, le mense scolastiche e il bullismo.

«Ricordo quando ricevevo i pranzi scolastici, a volte non avevano un sapore così buono, devo ammetterlo», aveva detto Obama. «Stiamo effettivamente vedendo se possiamo lavorare almeno per rendere più sani i pranzi scolastici. Perché molti pranzi scolastici, ci sono molte patatine fritte, pizze, tater tots. Tutti i tipi di cose che non sono un pasto ben bilanciato». Affermazione che Weaver aveva così commentato «Suggerisco di mangiare patatine fritte e mango tutti i giorni a pranzo».

 

 

Sul tema del bullismo Obama aveva detto: «Penso che quando sei presidente, sei responsabile di molte cose», «molte persone stanno attraversando un periodo difficile e stanno soffrendo là fuori. E la cosa principale che cerco di fare è concentrarmi sul tentativo di fare un buon lavoro e cercare di capire che a volte le persone si arrabbieranno per le cose».

Michelle Obama parla della sua depressione: «È anche conseguenza del conflitto razziale»

«Era solo una brava persona, genuina, molto intelligente», così Hardy, fratello di Waever, ha descritto il comunicatore scomparso. «Molto schietto, estroverso. Non ha mai detto di no a nessuno». L'intervista con Obama era stat per lui «un'esperienza irripetibile» che gli aveva «cambiato la vita».

«Damon era il ragazzo che mi correva dietro nella hall per dirmi che era interessato», ha detto Brian Zimmerman, il suo insegnante, come riporta il The Guardian. «E subito, ho visto il suo potenziale per il modo in cui appariva davanti alla telecamera. Potevi vedere la sua personalità emergere. Non era nervoso davanti ad essa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA