Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Assunta Almirante, morta a 100 anni la vedova di Giorgio: fu custode dei segreti della destra e simpatica a molti di sinistra

La donna era considerata la memoria storica della destra italiana

Martedì 26 Aprile 2022 di Mario Ajello
Assunta Almirante, morta a 100 anni la vedova di Giorgio Almirante

«Mio marito è bello, ed è ovvio che sia corteggiato da tante donne. Ma chi è più donna di me? E a lui le donne piacciono». Era in tipo così Donna Assunta, la moglie di Giorgio Almirante che è a lungo sopravvissuta al leader del Msi fino a diventare in questi decenni un personaggio super pop. Ora è morta Donna Assunta, a 100 anni, tutti vissuti al massimo e spesso fuori dagli schemi. Compresi quelli ideologici: ha sempre fatto simpatia a molti di sinistra, che ne hanno apprezzato una libertà di giudizio è una spigliatezza che sovente mancano nel fronte progressista sia maschile sia femminile.

Via Giorgio Almirante a Roma: sì 5 Stelle a Fdi. Poi lo stop di Raggi

In un secolo di vita, Donna Assunta di schemi ne ha rotti parecchi. Sposò Almirante, con cui stava dal 1952, soltanto nel 1969, dopo la morte del primo marito Federico de’ Medici, da cui aveva già avuto tre figli. Ed è per questo che divenne una fervente sostenitrice del divorzio, difeso a spada tratta nel referendum abrogativo del 1974; il marito, che come lei difendeva la legge, per obbedienza alla disciplina del Movimento sociale — che aveva scelto un’altra linea, forse anche per metterlo in difficoltà — fece la campagna insieme alla Dc. Custode silenziosa di tutte le volte in cui Almirante incontrava di nascosto il segretario del Pci Enrico Berlinguer, negli anni più bui della Repubblica, poco prima della sua morte, nel 1988, ascoltò i suoi più oscuri presagi su quello che sarebbe capitato dopo. «Quando non ci sarò più, si dimenticheranno di me. E si dimenticheranno anche di voi», le disse il marito. E invece Donna Assunta sarebbe rimasta in scena anche dopo l’uscita di scena di Giorgio. «Io la ammiro quasi come fosse mamma Rosa», le ha detto una volta Berlusconi.

Donna Assunta Almirante: «Non voglio una strada per mio marito»

E con Fini? Contraria alla svolta di Fiuggi, che portò alla nascita di An, questo provocó l’inizio della rottura col suo «pupillo» Gianfranco. E alle elezioni Europee del ’99 minacciò che avrebbe votato per la sinistra per contrastare «l’orrido elefantino» del progetto politico di Fini e Mariotto Segni. All’ultimo secondo, poi, non ce la fece. Scrisse sulla scheda un gigantesco «evviva Almirante!» e annullò il voto. Avrebbe messo in riga, negli anni a venire, chiunque: da Fini a Berlusconi, dai colonnelli di An a Giorgia Meloni. Calabrese doc, Donna Assunta a luglio scorso, per il suo centesimo compleanno, si è fatta suonare , «Calabrisella mia». E l’ha cantata pure lei, tutta contenta. Aveva tanti amici a sinistra e soprattutto un feeling anche mondano, con i coniugi Bertinotti. E pure con la famiglia Craxi. Era nata Raffaela Assunta Stramandinoli, ma poi il secondo nome ha finito per imporsi sul primo. È stata un personaggio cult della vita romana, e la regina madre della destra italiana, dispensatrice di ammonimenti e suggerimenti, stroncature feroci e carezze amorevoli, santa protettrice di carriere politiche e burbera censora di ogni atteggiamento liberticida, lei che libera lo è stata per una vita intera. Accudita dalla figlia Giuliana, con cui tre anni fa ha concertato un ritiro dalla scena pubblica «alla Greta Garbo», mai più interviste o dichiarazioni di quelle che un tempo erano in grado di provocare un terremoto politico, Donna Assunta ha vissuto una sorta di inconfessata malinconia per una destra che non le piaceva più. Che continuava a votare, ma «per abitudine e senza metterci il cuore», così raccontava. In cambio, i protagonisti di quella destra italiana che Donna Assunta ha visto crescere un po’ hanno dato l’impressione di averla dimenticata. Nel giorno del centesimo compleanno, dei vecchi «colonnelli» di Alleanza nazionale l’hanno cercata per gli auguri soltanto in due: Francesco Storace e Ignazio La Russa. Nessun altro. Ma lei diceva: «Meglio l’affetto di pochi che l’ipocrisia dei più». Ora se n’è andata Donna Assunta ma la sua scomparsa toglie al presepe italiano una figura che sarà rimpianta - pur nelle differenze ideologiche e nonostante gli snobismi di chi la considerava folcloristica - non da pochi ma dai più.

 

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 09:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA