Federica Pellegrini a Verissimo sull'addio al nuoto: «Sono serena, non ho cambiato idea»

Domenica 19 Settembre 2021 di Eva Carducci
Federica Pellegrini a Verissimo sull'addio al nuoto: «Sono serena, non ho cambiato idea»

Federica Pellegrini ospite a Verissimo commenta il suo addio al nuoto: «Sono serena, non ho cambiato idea, sto ancora nuotando, e lo farò fino alla fine dell'anno. Sto metabolizzando l'idea, ma alla fine ho 33 anni, per un nuotatore è davvero un'età avanzata, contro cui combattere. Era arrivato dunque il momento giusto per me. L'età di sicuro ha un valore, poi c'è stato anche un rinvio delle Olimpiadi, a cui ho voluto partecipare fortissimamente, volevo che il mio ciclo di vita da atleta si concludesse con un'Olimpiade, perché è sempre un traguardo importante per noi. Sono convinta di aver preso la decisione giusta, sembrerà strano ma non ho paura, sono molto eccitata e curiosa della mia nuova vita. Non ho mai avuto paura dei cambiamenti nella mia vita, ma sicuramente questo è quello più grande che farò. Magari ne avrò tra un po'».

Più di 50 medaglie tra Olimpiadi, Europei e Mondiali e innumerevoli record infranti. La campionessa si racconta così da Silvia Toffanin: « È bellissima la vita, fatta di alti e bassi come la vita di chiunque, e anche degli atleti, e io me la sono goduta. Chiudere dicendo ne è valsa la pena di tutte le cose, mi fa capire che ho fatto sempre del scelte giuste e fino alla fine ho seguito la strada che volevo». 

A coronare tutto l'ufficilizzazione di un amore, quello con Matteo Giunta: «Era il segreto di Pulcinella, almeno agli occhi degli altri con Matteo non volevamo che entrasse il gossip nel nostro mondo che era fatto. Di ritmi serrati fra gare e allenamenti. Nel nostro ambiente tutti i ragazzi lo sapevano e sono stati tutti molto rispettosi della nostra privacy. Se non ci fosse stato lui avrei smesso anni fa. Tutti i pianti e gli sfoghi, prima e dopo le gare, se li è vissuti lui a casa. Per me è l'uomo giusto perchè è la persona migliore che conosco. Fino all'olimpiadi c'era un veto assoluto e non potevo diventare mamma per vari motivi, adesso non abbiamo programmato niente, ma quando sarà sarà. Questo è il momento giusto, stiamo a vedere».

Olimpiadi, le pagelle dei medagliati: Jacobs e staffetta 4x100 da 10 e lode. Encomio a Paltrinieri

Occhio di riguardo anche ai suoi colleghi: «Tutti pensano che gli atleti siano dei robot pronto pronti a tutti, ma i livelli di stress psicofisici sono altissimi, e queste Olimpiadi ci hanno mostrato quanto importante preservare la salute mentale stessa degli atleti. Dopo l'Olimpiade che ho vinto nel 2008 ho sofferto di attacchi di panico, arrivavo in vasca e tornavo indietro, mi sono affidata a uno psicologo per superare quel periodo difficile. Quando vinci una medaglia olimpica a 16 anni poi tutto è diverso. Ti vogliono tutti e io sono molto introversa, in più molte persone mi hanno anche deluso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento