Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Divorzio milionario per la principessa Haya Bint Hussein e lo sceicco Mohammed: lei percepirà 294 milioni

Martedì 21 Dicembre 2021 di L. Jatt.
La principessa Haya Bint Hussein e lo sceicco Mohammed

La principessa Haya Bint Hussein, 47 anni, figlia del defunto Hussein di Giordania e sorella dell’attuale re Abdullah, si trova da due anni e mezzo nel Regno Unito, dove ha chiesto e ottenuto asilo politico dopo essere scappata insieme ai due figli Jalila  e Zayed dall'emiro di Dubai, il settantunenne sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, sposato nel 2004. Ebbene, l'Alta Corte inglese ha deciso oggi che la principessa riceverà un pagamento forfettario di 251 milioni di sterline (294 milioni di euro) come parte di una “interruzione regolare” da uno degli uomini più ricchi del mondo, lo sceicco Mohammed Al Maktoum.

Milionario perde tutto a Las Vegas ma a 78 anni diventa di nuovo ricco: la rinascita del re delle ciambelle

Naomi Campbell alla sbarra: l'ex fidanzato russo stramiliardario Doronin rivuole i 3 milioni di dollari che le ha prestato

Il mantenimento milionario


La maggior parte di questo pagamento coprirà i costi di sicurezza per mantenere la principessa e i due bambini piccoli che ha avuto con lo sceicco, Jalila, 14 anni, e Zayed, 9, al sicuro da possibili rapimenti. 
Il principe deve anche fornire una garanzia bancaria di 290 milioni di sterline per i suoi figli, a sostegno di un pagamento annuale di mantenimento di 11 milioni di sterline, oltre a costi di sicurezza  per loro una volta passata la maggiore età: 3 milioni di sterline per coprire la loro istruzione e 9,6 milioni di sterline in arretrati per il mantenimento. 

In un’altra notizia bomba che arriva dal tribunale, la sentenza rivela come la principessa Haya abbia affermato di aver pagato 7 milioni di sterline ai “ricattatori” del suo personale di sicurezza per mantenere segreta la sua relazione con la sua guardia del corpo britannica, Russell Flowers, che ha portato alla rottura del suo matrimonio. 

La minaccia dell'ex marito


Il giudice Moor ha dichiarato in una sentenza di 73 pagine che c’era un «rischio chiaro e sempre presente» per la principessa e i suoi due bambini piccoli e che lo sceicco Mohammed era la «minaccia principale per lei».
La cifra di 554 milioni di sterline assegnata dal giudice Moor presso la divisione per la famiglia dell’Alta Corte fa impallidire il precedente accordo più alto di 450 milioni di sterline effettuato nel 2016 all’ex moglie dell’oligarca russo Farkhad Akhmedov. 
Mentre il premio consentirà alla principessa di continuare a vivere nella vita di lusso di cui godeva come sesta moglie dello sceicco, risulta comunque di 900 milioni di sterline in meno rispetto a quanto originariamente richiesto dai suoi avvocati.
Questi ultimi avevano sostenuto che l’enorme somma era necessaria per tenere lei e i bambini al sicuro dal suo ex marito che, secondo una precedente udienza, avrebbe probabilmente rapito con la forza due delle sue figlie dopo aver tentato di fuggire da Dubai.

Si è scoperto anche che lo sceicco Mohammed aveva “hackerato” i telefoni della sua ex moglie e dei suoi avvocati, tra cui la baronessa Fiona Shackleton. In seguito alla relazione della principessa, lo sceicco aveva intrapreso una campagna di intimidazione costringendo Haya a fuggire a Londra temendo per la sua vita.
Nel fornire prove, la principessa ha ammesso di aver prelevato denaro da uno dei conti bancari dei suoi figli per “ripagare” un totale di 7 milioni di sterline ai suoi presunti “ricattatori”. Tre ex guardie del corpo che avrebbero ricevuto il denaro non sono state nominate in tribunale ma identificate come il signor A, B e C. Si dice che il signor A abbia ricevuto 2,5 milioni di sterline mentre il signor B e il signor C hanno condiviso 4,45 milioni di sterline. 
La rivelazione dei presunti pagamenti è arrivata quando la principessa è stata interrogata in modo incrociato dal team legale del suo ex marito per i soldi prelevati dal conto di sua figlia.
La corte ha appreso che i contanti del conto erano stati utilizzati anche per acquistare cavalli da corsa e un’altra grossa somma inviata a suo fratello per aiutare a finanziare il suo palazzo reale in Giordania.

L'altro uomo


Il signor Flowers, che ha prestato servizio per cinque anni nel reggimento reale della principessa del Galles, ha iniziato a lavorare a tempo pieno per Haya nel 2016 e l’ha accompagnata in molti viaggi all’estero. Il Daily Mail ha rivelato per la prima volta che Flowers aveva iniziato una relazione con Haya dopo essere stato assegnato a lei nella tenuta di 3.000 acri dello sceicco Dalham Hall nel Suffolk.
Gli amici hanno detto che avrebbero avuto stanze adiacenti durante i viaggi all’estero dove l’ha accompagnata ma il signor Flowers si è rifiutato di commentare la vicenda.
La relazione ha posto fine al matrimonio di 16 anni della principessa e l’ha portata a fuggire da Dubai temendo per la sua vita dopo che una pistola carica è stata lasciata nella sua camera da letto e le è stato detto che un elicottero sarebbe atterrato al palazzo reale e l’avrebbe portata in prigione.
È a causa di queste minacce che la maggior parte del premio finanziario verrà utilizzata per pagare la sicurezza 24 ore su 24 quando la famiglia si trova a Londra, in campagna e all’estero.
Gli avvocati della principessa avevano sostenuto che erano necessarie centinaia di milioni per tenere lei e i bambini al sicuro dal suo ex marito che aveva riportato con la forza due delle sue figlie a Dubai quando avevano tentato di fuggire dagli Emirati Arabi Uniti. La principessa Latifa è stata rapita da uno yacht al largo della costa indiana nel 2017 e la principessa Shamsa mentre si trovava a Cambridge ed è tornata a Dubai nel 2000.
Entrambe erano figlie dello sceicco Mohammed e di una delle sue altre mogli, Huriah Ahmed al M’aash. Fu durante quella battaglia per la custodia che lo sceicco ordinò l’hacking dei telefoni della sua ex moglie e dei suoi avvocati, tra cui la baronessa Fiona Shackleton.
In una lunga sentenza resa pubblica per la prima volta oggi, il giudice Moor ha affermato che la famiglia aveva goduto di «una ricchezza eccezionale» e «di un notevole tenore di vita» mentre viveva a Dubai e questo lo ha aiutato a decidere sull’accordo monetario.

I costi


I costi riguardano le vacanze, i costi del personale, i costi di manutenzione della casa, il tempo libero e la sicurezza. Il premio copre i costi della sicurezza fino all’anno 2068, quando sia lo sceicco, 73 anni, sia la sua ex moglie saranno morti. Gran parte del budget per la sicurezza copre la principessa e la sua famiglia nelle loro due case: una villa da 100 milioni di sterline accanto a Kensington Palace a Londra e una casa di campagna con 12 camere da letto vicino a Egham nel Surrey.
I costi presentati alla corte hanno mostrato che gli stipendi per le guardie del corpo ammonteranno a 865 mila sterline all’anno. 
Il budget per la sicurezza consente di acquistare sei auto di massima sicurezza di alta gamma ogni due anni per portare in giro la famiglia. Nella sentenza scritta, il giudice Moor ha affermato di aver deciso una cifra di 11 milioni di sterline all’anno per il mantenimento dei figli in base al denaro che i bambini avevano ricevuto ogni anno dal padre.
Mentre viveva a Dubai, lo sceicco pagava 18 milioni di sterline all’anno sui conti bancari dei due bambini e la principessa Haya aveva un’indennità di 9 milioni di sterline all’anno e ulteriori 82 milioni di sterline per le spese domestiche durante la gestione dei palazzi reali. Il giudice ha anche detto che la principessa era fuggita da Dubai nel 2019 lasciandosi dietro gran parte dei suoi gioielli e abiti firmati.
Il giudice ha permesso alla principessa di spendere 5 milioni di sterline all’anno per le vacanze all’estero e i fine settimana nel Regno Unito e inoltre un totale di 1 milione è stato assegnato per sette voli su jet privati con 667 mila sterline per la sistemazione in hotel. Altre 300.000 sterline l’anno sono state stanziate per cibo e attività.
Commentando il pagamento del divorzio, Sarah Ingram, partner di Winckworth Sherwood, ha dichiarato: «Questo è uno dei più alti riconoscimenti concessi per le spese finanziarie dopo un divorzio all’estero e dimostra perché Londra rimane una giurisdizione così attraente per i divorzi internazionali, in particolare per chi è più debole e cerca una giusta ricompensa. Tuttavia, questa è solo la prima fase che deve affrontare la principessa Haya, poiché ora dovrà vedersela con il non invidiabile compito di far rispettare l’ordine per assicurarsi di ricevere effettivamente questo grande premio. Anche se i tribunali - ha detto ancora la Ingram - hanno la flessibilità di concedere premi così generosi, non hanno strumenti altrettanto efficaci a loro disposizione per garantire che questi premi che coinvolgono attività offshore siano implementati in modo coerente». 

Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre, 06:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA