Javier Marias è morto, lo scrittore spagnolo tradotto in tutto il mondo perde la vita a 70 anni

Scrittore, traduttore e giornalista, Marías ha pubblicato quindici romanzi, tra cui A Heart So White

Javier Marias è morto, lo scrittore spagnolo tradotto in tutto il mondo perde la vita a 70 anni
Javier Marias è morto, lo scrittore spagnolo tradotto in tutto il mondo perde la vita a 70 anni
Domenica 11 Settembre 2022, 16:30 - Ultimo agg. 12 Settembre, 11:07
4 Minuti di Lettura

È morto lo scrittore Javier Marias. Lo conferma il ministro della Cultura spagnolo Miquel Iceta. Aveva 70 anni. Sarebbe deceduto per le conseguenze di una polmonite. Scrittore, traduttore e giornalista, Marías ha pubblicato quindici romanzi, tra cui A Heart So White ( Corazón tan blanco, 1992 ) e Tomorrow in the Battle Think on Me ( Mañana en la batalla piensa en mí, 1994). Oltre ai suoi romanzi, ha pubblicato tre raccolte di racconti e vari saggi. Essendo uno dei romanzieri più celebri della Spagna, il suo lavoro è stato tradotto in quarantaquattro lingue e ha venduto oltre otto milioni e mezzo di copie a livello internazionale. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo lavoro, come il Rómulo Gallegos Prize (1994), l' International IMPAC Dublin Literary Award (1997), l' International Nonino Prize (2011) e il Austrian State Prize for European Literature (2011).

 

Javier Maris, la carriera e le opere più famose

Tra i maggiori autori spagnoli contemporanei, era nato a Madrid il 20 settembre del 1951. Laureato in filosofia ha raggiunto il successo internazionale nel 1992 con Un cuore così bianco, a cui seguono opere come Domani nella battaglia pensa a me, Quando fui mortale, L'uomo sentimentale, fino al più recente Tomas Nevinson. Romanzi e racconti con cui ha vinto i maggiori premi letterari europei. L'ultimo in ordine di tempo, a giugno, il premio Gregor von Rezzori. «Un libro alla volta, Javier Marias - si legge nella motivazione di quel riconoscimento - ha dimostrato che il romanzo ha ancora il potere di piegare questo ritmo del mondo, farlo rallentare fino quasi a fermarlo. Ma non è solo una questione di ritmo e neppure il semplice desiderio di andare controcorrente. È invece la necessità di un tempo diverso, il tempo necessario per scavare più a fondo, quasi un monito che ci ricorda di continuare a coltivare i pensieri larghi».

I libri più letti

Tra i suoi romanzi più amati spicca «Domani nella battaglia pensa a me» (1994, Einaudi 1998). Il titolo è tratto dal «Riccardo III» di Shakespeare: è la maledizione che il fantasma della regina Anna scaglia sul re che l'ha fatta uccidere. Ma la storia è ambientata nella Madrid dei nostri giorni, dove l'io narrante, Victor Francés, sceneggiatore per il cinema e la tv, vive facendo il «negro», in proprio o per conto terzi. Victor conosce Marta, una donna sposata che gli muore tra le braccia proprio la notte del loro primo convegno amoroso. Fugge, ma resta prigioniero del passato della donna e decide di ricostruirlo. Sarà un viaggio di esplorazione nei misteri del cuore umano, ricco di sorprese, drammi, colpi di scena.

Gli studi

Marías ha studiato filosofia e letteratura all'Università Complutense di Madrid prima di insegnare in diverse università, tra cui la sua alma mater, le università di Oxford e Venezia e il Wellesley College nel Massachusetts- Nel 1997, è stato insignito del titolo di Re del Regno di Redonda dal suo predecessore Jon Wynne-Tyson per la sua comprensione del regno e per aver menzionato la storia di uno dei suoi precedenti re, John Gawsworth , nel suo romanzo All Anime ( Todas las almas, 1989).

Mal di testa improvviso mentre è con i figli, poi l'agonia in ospedale: imprenditore del web muore a 49 anni

La malattia

Il 14 agosto, la famiglia dello scrittore aveva diffuso una breve nota attraverso il dipartimento di comunicazione del gruppo editoriale di Marías, Penguin Random House, spiegando che l'autore del romanzo «Tutte le anime» (Einaudi) era «in via di guarigione». Ma la gravità della condizione polmonare è aumentata nelle ultime settimane, fino a diventare insalvabile. Lo scrittore sarà cremato a Madrid, dove era nato il 20 settembre 1951. Ha trascorso l'infanzia e la giovinezza nel quartiere di Chamberí (dove ha scritto alcuni dei suoi romanzi). Era figlio del filosofo Julián Marías e dell'insegnante e traduttrice Dolores Franco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA