Louis Vuitton, morto Virgil Abloh: il direttore artistico malato di tumore aveva 41 anni Chi era
Il marchio Off-White

Domenica 28 Novembre 2021
Louis Vuitton, morto Virgil Abloh: il direttore artistico malato di tumore aveva 41 anni

Un tumore ha spento la vita dello stilista americano Virgil Abloh, 41 anni.  Era il direttore artistico a Louis Vuitton, gruppo Lvmh, e fondatore del marchio Off-White basato a Milano. Lo rende noto Lvmh in un tweet. «Siamo sotto shock per questa terribile notizia. Virgil non era soltanto un designer geniale, un visionario. Era una bell'anima e un uomo di grande saggezza», sottolinea Bernard Arnault, il patron di Lvmh. «Tutta la famiglia di Lvmh si associa a me per dire la sua profonda tristezza. Pensiamo a quelli che amava, che hanno perso oggi un marito, un padre, un fratello, un amico», aggiunge Arnault.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da @virgilabloh

 

Virgil Abloh, ghanese-americano nato a Chicago, è ingegnere con master in architettura, ma è diventato famoso inizialmente come dj e produttore musicale tanto da ottenere una nomination ai Grammy nel 2002. Ha collaborato con il rapper Kenye West prima di approdare alla casa di moda Louis Vuitton diventandone il direttore artistico della linea maschile. A Milano ha fondato il marchio Off-White nel 2013. Ha collaborato anche con Moncler, Timberland e Nike. Fra le sue  testimonial ci sono le sorelle Hadid e Cara Delevingne. Ama molto l'Italia, la moda italiana e la qualità dei suoi tessuti: ha scelto di produrre in Italia gran parte dei capi di Off White.

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da @virgilabloh

Chi era

 

Primo grande stilista nero, era il re dello streetwear di lusso

«Il gruppo LVMH, la Maison Louis Vuitton e Off-White hanno l'immenso dolore di annunciare la scomparsa di Virgil Abloh, colpito questa domenica 28 novembre da un cancro che ha combattuto per diversi anni», ha dichiarato LVMH sul suo account Twitter. La malattia di Virgil Abloh non era stata resa pubblica.  Lavorò nella street fashion di Chicago prima di entrare nella moda internazionale grazie ad uno stage presso Fendi nel 2009, al fianco del rapper Kanye West. Abloh creò la sua prima etichetta nel 2012, la Pyrex Vision. Un anno dopo nacquè Off-White, brand di streetwear di lusso, che si impose con la forza delle sue grafiche prima di evolversi verso creazioni più «couture». Nel 2015 il suo marchio è stato uno dei finalisti del prestigioso premio LVMH.

Video

Da lì l'ascesa: LVMH firmò un accordo a luglio con Virgil Abloh che divenne azionista di maggioranza del suo marchio Off-White. In carriera collaborazioni di successo con Nike, Jimmy Choo e Moncler. Fortemente impegnato nell'affermazione delle culture afroamericane, lo stilista era approdato nel 2018 in una delle posizioni più invidiate della moda, nell'etichetta di punta di LVMH.

Re dello streetwear di lusso, si era affermato in pochi anni come uno dei designer più cool tra un pubblico di millennial. Il suo marchio di fabbrica è uno stile che rispecchia la cultura «street», con le sue sneakers e felpe, ma anche un logo facilmente riconoscibile, fatto di bande oblique bianche e nere. È stato nominato dalla rivista Time come una delle 100 persone più influenti al mondo nel 2018 «Siamo tutti sotto shock per questa terribile notizia. Virgil non era soltanto un designer geniale, un visionario, ma anche un uomo con un'anima bellissima e grande saggezza», ha rimarcato in una nota il chief executive di LVMH Bernard Arnault.

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 08:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA