Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mick Hucknall, il cantante dei Simply Red rivela: «Soffro di Long Covid, non riesco a dormire e ho le palpitazioni»

Il mese scorso la star britannica è stata costretta a cancellare i suoi concerti dopo che lui e altri quattro membri della band sono risultati positivi al coronavirus

Venerdì 4 Marzo 2022
Mick Hucknall, il cantante dei Simply Red rivela: «Soffro di Long Covid, non riesco a dormire e ho le palpitazioni»

Mick Hucknall ha rivelato di soffire ancora dei sintomi legati al Covid. Parlando con The Sun, il cantante dei Simply Red, 61 anni, ha raccontato di come soffra di palpitazioni cardiache e insonnia, spiegando come spesso si sveglia nel cuore della notte con un battito cardiaco accelerato. Il mese scorso la star britannica è stata costretta a cancellare i suoi concerti dopo che lui e altri quattro membri della band sono risultati positivi al coronavirus. E tutt'ora Hucknall sta facendo i conti con i sintomi del cosiddetto long Covid.  

Vaccini, long Covid e quarantena: le dieci regole dei pediatri per gestire i bambini

Long covid, i sintomi 

Stanchezza, tosse, senso di costrizione toracica, affanno, palpitazioni, mialgia e difficoltà di concentrazione: sono questi i sintomi più frequenti del Long Covid, cioè di quella sindrome che tocca chi ha passato l’infezione da coronavirus. Una situazione che può durare per lungo tempo, anche per mesi. Il vaccino, anche in questo caso, può essere utile: riduce i sintomi nella fase acuta e, quindi, taglia quelli del post-infezione.

La malattia può essere continua, recidivante e remittente. Secondo quanto spiegano alcuni ricercatori indiani in uno studio sulla rivista scientifica “Research&Reviews”, si tratta di quell’intervallo di tempo tra il recupero microbiologico e il recupero clinico. A seconda della durata dei sintomi, può essere suddiviso in due fasi: il Covid post-acuto (più di 3 settimane ma meno di 12) e il Covid cronico (più di 12 settimane).

© RIPRODUZIONE RISERVATA