Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ivan Vavassori lascia l'Ucraina: «Sono stufo, ho fatto del mio meglio: torno in Italia»

Ieri sui social: «La mia decisione non piacerà a molta gente»

Lunedì 2 Maggio 2022
Ivan Luca Vavassori

Ivan Vavassori ha deciso che basta con la guerra«Sono stanco per me basta così. È ora di tornare a casa non ho più la testa per andare avanti». Sono le parole in spagnolo che si leggono nel profilo Instagram di Ivan Luca Vavassori, l'ex calciatore di 29 anni che era andato a combattere in Ucraina nelle brigate internazionali, a fianco dell'esercito di Kiev, e che nei giorni scorsi era stato ricoverato in ospedale con febbre alta e alcune ferite dopo essere sopravvissuto ad un attacco russo a Mariupol. A quanto si è saputo, il giovane in queste ore starebbe lasciando effettivamente l'Ucraina.

Ivan Vavassori «è vivo». Messaggio sul profilo Instagram: «Il suo team è circondato da forze russe»

«Ho fatto del mio meglio per aiutare - si legge sul profilo di Vavassori -. Ho messo tempo e vita a disposizione del popolo ucraino, ma è ora di riprendermi la mia vita. Torno dove sono felice e torno a riprendermi tutto ciò che è mio». E ancora: «Le cose sono cambiate molto da quando me ne sono andato, ma sono sicuro che con l'aiuto di Dio raggiungerò i miei obiettivi. E lei è al primo posto in questi». Un messaggio all'apparenza in contrasto con un'altra 'storia di Instagram apparsa ieri e nella quale diceva: «Ho lasciato molte cose a metà nella mia vita. É tempo per me di andare fino in fondo in qualcosa». E aveva pubblicato anche alcuni video, tra cui uno in cui veniva rimosso un proiettile incastrato nel giubbotto e altri di scontri a fuoco. Sempre ieri sul suo profilo Facebook aveva scritto: «Forza Ukraina, Fuck Putin. Si ritorna più forti che mai». Oltre al messaggio sul suo «ritorno» pubblicato una ventina di ore fa, su Instagram Vavassori ha anche messo un'immagine di un interno di un aereo. A quanto si è appreso, il giovane - che ha giocato a calcio in serie C per il Legnano, la Pro Patria e il Bra, facendo un'esperienza anche in Bolivia - è effettivamente in viaggio per lasciare l'Ucraina.

«Per quelli a cui la mia decisione non piacerà, purtroppo non sono nato per compiacere tutti - scriveva nella storia -. Grazie per i vostri consigli e le parole di aiuto, mi hanno aiutato molto mentre mi rimettevo. Ora sto bene, con alcuni dolori ma di nuovo in forze e pronto per tutto. Dio è al mio fianco e si occuperà di me in tutto. Dio è grande. Dio è fedele». 

Il giovane, nato in Russia e che fu adottato dall'imprenditore Pietro Vavassori e da Alessandra Sgarella (sequestrata dalla 'ndrangheta nel '97 e morta nel 2011 per una malattia), è sempre rimasto in contatto costante col padre. Sulla vicenda la Procura di Milano ha aperto un fascicolo conoscitivo per capire se ci siano o meno profili di illegalità dietro la scelta del giovane di arruolarsi. Il padre, che sarà sentito dagli inquirenti interessati ovviamente ad ascoltare anche il giovane, ha spiegato che il figlio ha deciso liberamente e in autonomia di andare a combattere. In casi del genere possono essere contestati reati solo per reclutamento e arruolamento o a carico di mercenari che agiscono in cambio di soldi.

Ultimo aggiornamento: 16:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA