Forcella, la risposta alla camorra
arriva dal patto locale per la lettura

Mercoledì 7 Ottobre 2020 di Giuseppe Perna *

A Forcella la risposta al crimine arriva dalla lettura, da un Patto Locale per la Lettura attivo da oltre un anno, che, nel 2019 e in diversi mesi del 2020, ha accompagnato più di 1000 bambini nella crescita educativa attraverso libri in dono, reading, favole animate, nuovi spazi lettura e laboratori creativi. Una Biblioteca a porte aperte, attiva tutti i giorni, divenuta Casa di Quartiere, che organizza incontri, eroga servizi alla comunità, svolge attività culturali e di inclusione, promuovendo la conoscenza del territorio, la conservazione e la divulgazione della memoria storica, da alcuni mesi anche on line per rimediare alle limitazioni imposte dal Covid. Queste ed altre sono le risposte dell'impegno concreto che si profonde a Forcella per prevenire e contrastare la criminalità attraverso la cultura, presentate il 2 ottobre scorso presso la Biblioteca Annalisa Durante con la Conferenza "II diritto alla lettura. L'esperienza di Forcella", partecipata da oltre 40 soggetti, tra i quali la Fondazione Polis della Regione Campania, istituzioni, scuole, musei, biblioteche, editori, librerie ed enti del terzo settore.

 

L’obiettivo principale del Patto è quello di aumentare l’indice di lettura nel centro storico di Napoli e nelle aree limitrofe più difficili, come Forcella, Mercato, la zona delle “case nuove” e i Quartieri spagnoli, promuovendo il libro e la lettura nelle scuole e nelle case dei cittadini, iniziando dalla fascia di età 0-6 anni, riferita ai bambini che ancora non leggono e che possono essere introdotti amorevolmente alla lettura attraverso il coinvolgimento delle mamme e degli operatori degli asili nido e delle scuole dell’infanzia.

 

Le principali iniziative realizzate afferiscono a due progetti sostenuti dal Mibact e dal Cepell – Centro per il Libro e la lettura, con i rispettivi Avvisi “Biblioteca Casa di Quartiere” e “Leggimi 0-6”, ai quali l’Associazione Annalisa Durante ha partecipato coinvolgendo numerosi attori chiave del Patto Locale per la Lettura, sviluppando vere e proprie azioni di comunità con il progetto “Forcella. Ieri, Oggi e Domani” e attività di lettura con il progetto “Baby Reading Forcella”.

 

Grazie ai suddetti progetti è stato possibile, in particolare, realizzare l’allestimento di 10 nuovi spazi lettura nell’area territoriale del Patto, l’acquisto di migliaia di libri destinati ai bambini, attività di formazione in favore di varie categorie di operatori, attività di lettura in presenza e - durante il periodo di lockdown - anche a distanza, un’opera editoriale pop-up sulle origini del quartiere, la raccolta e la divulgazione delle memorie orali, la raccolta di documenti storici e la conseguente produzione di videoclip sulla storia locale, lo svolgimento di favole animate per bambini eseguite nei teatri, nelle biblioteche e nei monumenti storici della Municipalità, laboratori d’arte e di inclusione con i soggetti più svantaggiati, l’erogazione di servizi di orientamento ai cittadini e di supporto allo sviluppo sociale ed economico del territorio, e tanto altro.

 

I promotori dei progetti sono riusciti a fare sistema tra di loro, coinvolgendo le associazioni, le famiglie e finanche i commercianti della zona, riuscendo a realizzare iniziative sperimentali ed educative importanti, tra le quali la donazione di libri in cambio della raccolta differenziata della plastica (assente in molte aree del Patto!) e la nascita di una comunità Slow food a Forcella per la promozione dei valori del “buono, pulito e giusto”.

 

Il segretario generale della Fondazione Polis Enrico Tedesco è intervenuto all’incontro in vece del presidente don Tonino Palmese. Nel ricordare il seme piantato nel 2015 dalla stessa Fondazione, insieme a Nati per Leggere Campania, attraverso il progetto Leggendo CresceRai e l’istituzione del Punto Lettura di Forcella, ha tenuto a sottolineare la rilevanza che percorsi simili siano scaturiti dall’impegno di una Biblioteca, intitolata ad una vittima innocente di camorra, che ha trovato, nel suo papà Giannino e nell’associazione sorta in sua memoria, la forza di realizzare una proposta costruttiva e rigenerativa. Proposta che sta determinando un lento ma progressivo cambiamento nel quartiere. L’“Annalisa di Forcella” sta trasformando sempre più lo stesso quartiere nella “Forcella di Annalisa”, attraverso una capacità di aggregare attorno a questo impegno una rete sempre più ampia di soggetti, che si riconoscono nella promozione concreta della legalità, della cultura e della cittadinanza attiva.

 

A confrontarsi con il tema del “diritto alla lettura” sono stati, inoltre, il componente della Commissione parlamentare per l’infanzia Paolo Siani, il capo staff dell’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Marilù Vacca, il presidente della Municipalità 2 Francesco Chirico, la presidente nazionale dell’AIB – Associazione Italiana Biblioteche Rosa Maiello, il direttore della Biblioteca Universitaria Raffaele De Magistris, la dirigente scolastica dell’I.C. Adelaide Ristori Stefania Colicelli, la referente campana dell’Associazione Donne di Carta Giovanna Marrone, l’editore Napoli pop-up Peppe Cerillo e, in collegamento Skype, la funzionaria del Cepell Paolina Baruchello.

 

Il ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini ha fatto pervenire un videomessaggio di plauso al progetto “Baby Reading Forcella”, invitando i ragazzi ad avvicinarsi alla lettura e ad imparare a leggere per crescere liberi e responsabili.

 

Presenti in sala numerosi altri partecipanti al Patto Locale per la Lettura, che hanno ricevuto in dono il libro pop-up realizzato con i fondi del Cepell, dal titolo “La Favola di Ercole. Il tempio della Virtù a Forcella”, ispirato alla “Restauratio Neapolis 20/20” del prof. Elviro Langella, pubblicato da Napoli pop-up.

 

In chiusura l’invito ad approfondire e a condividere i risultati dei due progetti sui siti internet www.casadiquartiere.it e www.babyreadingforcella.it.

 

Presidente Associazione Annalisa Durante

© RIPRODUZIONE RISERVATA