​Vittime innocenti della criminalità, elargite 271 borse di studio in Campania

Mercoledì 14 Luglio 2021
Vittime innocenti della criminalità, elargite 271 borse di studio in Campania

La Regione Campania, tramite la Fondazione Polis, suo braccio operativo per le politiche integrate di sicurezza e legalità, ha elargito, per l'anno scolastico 2020-2021, 271 borse di studio ad altrettanti familiari di vittime innocenti della criminalità, per un importo complessivo pari a 428mila euro.

L'iniziativa rientra nel solco tracciato dalla legge regionale n. 54 del 2018, che disciplina il sostegno educativo, scolastico e formativo delle vittime innocenti di camorra e dei reati intenzionali violenti.

«Garantire pari dignità tra tutte le vittime, almeno per quanto attiene al diritto allo studio, è uno degli obiettivi fondamentali dell'azione che portiamo avanti da anni. Non solo perché in tal modo rispondiamo ai dettami dell'Europa, che impone ai suoi Stati membri l'equiparazione tra le vittime dei reati violenti dal 2004, ma anche perché per noi non esistono vittime di serie A e vittime di serie B. In tal senso, siamo davvero contenti che la Regione abbia istituzionalizzato un percorso da noi avviato sette anni fa insieme al Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, dando così la possibilità ai giovani segnati dalla violenza di proseguire in maniera più serena il proprio percorso scolastico e formativo», sottolinea il presidente della Fondazione Polis don Tonino Palmese.

In tale ottica, una delegazione di familiari delle vittime, guidata dalla presidente del Coordinamento regionale Carmen Del Core e dallo stesso don Tonino Palmese, è stata accolta a Palazzo Santa Lucia dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e dall'assessore alla Sicurezza e alla Legalità Mario Morcone, che hanno ribadito la loro piena vicinanza alla Fondazione Polis e alle esigenze degli innocenti colpiti a vario titolo dalla criminalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA