Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

GIORGIA MELONI

Amministrative 2022, le mosse dei partiti prima del voto. Meloni: «Tra un anno andrò a Palazzo Chigi»

Giorgia chiude la campagna all'Aquila: "I cittadini ci premieranno". Fratelli d'Italia pronta al sorpasso della Lega nelle città del Nord.

Sabato 11 Giugno 2022 di Mario Ajello
Amministrative 2022, le mosse dei partiti prima del voto. Meloni: «Tra un anno andrò a Palazzo Chigi»

La tregua tra alleati che non si amano è un classico della vigilia del voto. Ma tra Salvini e Meloni, che a Verona hanno assicurato di «non finire come Giulietta e Romeo», la tregua non può che essere armata. Perché la parola sorpasso è quella che divide i due, e mai come stavolta: Fratelli d'Italia vuole prendersi il Nord, sorpassare in casa leghista il Carroccio (non solo in Lombardia ma anche in Veneto e in Friuli Venezia Giulia, ieri Giorgia uno dei comizi finali della campagna elettorale lo ha tenuto a Gorizia) e occhio a tre città che sono decisive per il sorpasso di FdI ai danni di Salvini: Verona, Como e Alessandria. E poi c'è L'Aquila: «Per noi è un luogo del cuore», non nasconde la Meloni, che proprio qui ieri ha chiuso la campagna a sostegno dell'uscente Pierluigi Biondi: «Sono certa che i cittadini premieranno 5 anni di impegno, visione e capacità di FdI alla guida del Comune».

Elezioni comunali: marito contro moglie, l'ex prete, la lista “Povero Gabbiano”. Ecco i candidati più improbabili


Quanto al Sud, la tegola degli arresti per voto di scambio mafioso a Palermo nel centrodestra - dopo il forzista Polizzi ieri è finito in manette Francesco Lombardo, aspirante consigliere comunale FdI accusato di aver chiesto voti al boss Vincenzo Vella - agitano non poco le acque e il Pd ovviamente sta usando la cosa.
In ogni caso, il sorpasso significa una cosa chiara ed è quella che la Meloni ieri ha detto con nettezza: «Tra un anno andrò a Palazzo Chigi». Ovvero, sbaragliare già in queste Comunali l'alleato-rivale leghista, prendere la rincorsa per surclassarlo anche nelle Politiche e, secondo la regola del chi ha più voti corre per la premiership, diventare il primo capo di governo italiano donna (sempre che il centrodestra vinca e bene la tornata del 2023).
Quello tra FdI e Lega è un corpo a corpo nelle urne. Como, su cui la destra meloniana punta assai, sarebbe la prima città che Giorgia conquista al Nord, magari con la sua lista al primo posto con uno scatto sulla Lega imprevedibile fino a pochi mesi fa e che stride rispetto ai canoni classici di chi considera FdI un partito a forte trazione romanocentrica e meridionalista (invece, ed è il massimo vanto della leader, «abbiamo allargato ormai da tempo i confini del nostro consenso»). In tre anni intanto il Carroccio ha dimezzato i suoi consensi, è tornato alle percentuali delle elezioni del 2013, anche più in basso: numeri che allora avevano una forte trazione nordista, e che oggi sono spalmati su tutto il territorio nazionale. E la sfida di Giorgia è anche nell'Italia centrale e meridionale. L'Aquila, si diceva, dove FdI vuole riconfermare il sindaco Biondi. Ma non è adesso il momento di darsele di santa ragione e infatti a Pordenone, un palco del centrodestra da vecchi tempi e nuovi abbracci: con la Meloni, anche Maurizio Lupi e Antonio Tajani. Salvini aveva fatto tappa in città già sabato scorso e da Genova adesso punge: «Uniti si vince e separati si perde, evitiamo di pensare solo agli interessi dei singoli partiti e concentriamoci su quelli della coalizione».

Video


LA TEMPESTA PERFETTA
Se domani FdI vincerà anche nelle città del Nord, per il leader leghista sarà la tempesta perfetta e il Carroccio in prospettiva riaprirà il dibattito sulla leadership di Salvini. Il quale ormai da molti lombardi e veneti viene visto come lontano e assente, specie sui temi dell'autonomismo. Matteo si sta battendo come un leone (ieri sera intervistona al Tg2 della sera: «I litigi lasciamoli alla sinistra») proprio per evitare la debacle interna alla coalizione. E alla riunione che il segretario ha convocato oggi, dedicata all'«attacco della Bce contro i soldi degli italiani», Salvini chiederà anche ai suoi di abbassare la conflittualità con FdI da qui al ballottaggio del 26 giugno. Ma sarebbe un miracolo se, tra i tormenti di Salvini e la scalata di Meloni, il centrodestra riuscirà a non sbranarsi. E molto dipenderà dalla Sicilia. Se dopo le Comunali la Meloni non incassa la candidatura bis a presidente per Musumeci, sarà guerra totale.

Ultimo aggiornamento: 08:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA