Covid, il Cts sul modello francese: i virologi parlano solo con il governo senza passare in tv

Giovedì 18 Febbraio 2021 di Marco Conti
Agostino Miozzo

Il Comitato tecnico scientifico cambia. Sarà più snello e anche più silenzioso. Il modello è quello francese che da qualche giorno si è fatto molto, ma molto silenzioso. Il “Consiglio scientifico francese” continua a lavorare per il governo di Macron, ma senza passare prima negli studi televisivi dove molti di loro, così come accade in Italia, stazionavano da settimane passando da un canale all’altro.

Vaccini in Israele, casi scesi del 94% dopo il siero. Burioni: «Dobbiamo svegliarci»

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata un’intervista dai toni allarmanti di Jean Louis Delfraissy, il nostro Agostino Miozzo, nella quale annunciava come imminente la terza chiusura generale. Irritazione dell'esecutivo, e rettifica dell'immunologo che si affrettò a separare in modo netto il parere degli esperti dal potere della politica di decidere.

 

Varianti Covid, Andreoni (Tor Vergata): «Adesso vaccinare sempre di più»

Ora tocca al nostro Cts composto da 26 virologi  che forniscono consigli gratis al governo, ma prima agli intervistatori. Un cambio di passo che il nuovo presidente del Consiglio intende dare coordinando l’intervento con il ministro delle Salute Roberto Speranza.

Varianti del virus, allerta in Italia. Ecco quali sono e perché mutano così velocemente

Galli smentito dal suo ospedale: «Non è vero che abbiamo terapie invase da variante inglese»

Ultimo aggiornamento: 11:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA